Lunedì 06 Aprile 2020
Le autorità del suo Paese ne hanno chiesto l'estradizione per reati commessi molti anni fa


Taormina. Arrestato un pittore polacco per truffa e falso

26/02/2016 | CRONACA

1684 Lettori unici

Gawlik Andrzei Zenon è stato rintracciato dai carabinieri

In molti lo avevano sicuramente visto a Taormina mentre vendeva i suoi quadri sulle famose scalinate della Perla. Sul conto di Gawlik Andrzei Zenon, pittore polacco che con le sue variopinte tele dava ulteriore colore al paesaggio, pendeva però da qualche giorno un mandato di arresto europeo per una truffa commessa in Polonia molti anni fa. Reato per il quale le autorità polacche hanno chiesto l’estradizione. I carabinieri della Compagnia di Taormina, appena acquisito il provvedimento, hanno avviato una serrata attività di ricerca: la conoscenza del territorio e delle persone sono state determinanti per individuarlo. Dopo alcune iniziali difficoltà, i militari hanno dato un volto a quel nominativo straniero, intuendo che il destinatario del provvedimento potesse essere quell’artista itinerante, spesso incontrato per le vie di Taormina. I carabinieri in borghese, agli ordini del capitano Francesco Filippo, hanno atteso che l’uomo rientrasse nella città del Centauro dopo un periodo di assenza e lo hanno raggiunto e condotto negli uffici della Compagnia, contestantogli i reati di truffa e falso e procedendo con gli adempimenti di rito. Nel frattempo i militari hanno anche cercato una nuova casa per il cane dell’arrestato, compagno di viaggio e di vita, che nella serata è stato affidato ad alcuni amici del cittadino polacco, giunti da fuori provincia. L’artista è stato accompagnato in carcere, a disposizione dell’autorità giudiziaria. 


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.