Lunedì 06 Aprile 2020
Dovrà scontare sei anni e dieci mesi anche per maltrattamenti e lesioni


Taormina, 64enne in carcere per il tentato omicidio della moglie

01/10/2018 | CRONACA

930 Lettori unici

Dovrà scontare una pena a sei anni e dieci mesi di reclusione il 64enne taorminese P.G., arrestato ieri mattina carabinieri della Stazione di Taormina e condotto nel carcere di Messina Gazzi in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Messina. L’uomo è stato riconosciuto colpevole e condannato per i reati di  tentato omicidio, maltrattamenti in famiglia e lesioni commessi nei confronti della moglie a partire dal 2001 e sino al 2016. Il giudice ha anche disposto l’interdizione legale e dai pubblici uffici durante la pena. P.G. era stato arrestato nel luglio del 2016 dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile con l’accusa di tentato omicidio nei confronti della consorte poiché, a seguito di una lite avvenuta per futili motivi, aveva tentato di strangolare la donna.  Le indagini svolte in seguito all’episodio avevano consentito all’Arma di ricostruire  che Pil 64enne, sin dal 2001, aveva sottoposto la moglie a continui e costanti maltrattamenti consistiti in ingiurie minacce e violenze fisiche ed inoltre aveva privato la donna dei mezzi di sostentamento impedendole anche di vedere i genitori.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.