Venerdì 21 Settembre 2018
Cinque operazioni messe a segno a Messina dalla Guardia di Finanza


Sequestrata una tonnellata di botti, denunciate 5 persone

30/12/2015 | CRONACA

958 Lettori unici

Gli articoli pirotecnici sequestrati

I finanzieri del Comando provinciale di Messina, nel corso di cinque distinte operazioni finalizzate a contrastare l’illecita detenzione e vendita di giochi pirici pericolosi, hanno sequestrato complessivamente 18.000 artifici pirotecnici di varia tipologia, per un totale di circa 950 kg di materiale esplodente altamente pericoloso. Gli articoli in questione erano detenuti abusivamente presso un tabaccaio del centro città, in un garage sito nel quartiere Giostra e in tre diversi depositi merci di corrieri privati. I cinque soggetti ritenuti responsabili sono stati denunciati all’autorità giudiziaria e dovranno rispondere di varie ipotesi di reato, tra le quali detenzione di materiale esplodente e inosservanza delle norme di sicurezza. In questi giorni che precedono la fine dell’anno, quando diventa maggiore il rischio di diffusione di tali prodotti, le Fiamme gialle hanno intensificato i controlli in tutto il territorio per verificare il rispetto delle leggi: la normativa prevede infatti che i prodotti pirotecnici classificati dal Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza possano essere venduti esclusivamente a persone maggiorenni da esercenti regolarmente autorizzati, in luoghi in possesso di rigorosi requisiti di idoneità. Rimane dunque alta l’attenzione della Guardia di Finanza nel contrasto al fenomeno del commercio illegale di materiale esplodente, con l’esecuzione di specifiche attività di servizio, finalizzate alla tutela dell’incolumità dei cittadini.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.