Sabato 04 Aprile 2020
Ordinanze dei sindaci dopo i controlli dell'Asp, che ha trovato diversi capi infetti


Savoca e Antillo, sequestrati due allevamenti colpiti da brucellosi

di Redazione | 25/11/2015 | CRONACA

1831 Lettori unici

Due allevamenti colpiti da brucellosi sono stati sequestrati a Savoca e Antillo. Nel primo caso il sindaco Antonino Bartolotta ha disposto con propria ordinanza il sequestro di un allevamento ubicato in contrada Rina inferiore, all’interno del quale si sono verificati casi di brucellosi ovi-caprina negli animali di proprietà di un 54enne nato a Calatabiano e residente a Savoca. Il provvedimento è stato emesso come conseguenza della nota recapitata in municipio il 12 novembre dal Servizio Veterinario del Distretto di Taormina, in seguito ai controlli effettuati il 28 ottobre scorso nell’allevamento savocese dai veterinari dell’Asp. Ad Antillo, invece, il primo cittadino Davide Paratore ha disposto il sequestro di un allevamento di contrada Gerasia, dove sono stati riscontrati ovi-caprini di proprietà di un 41enne residente a Limina infetti dalla stessa patologia. In questo caso i controlli del Servizio Veterinario erano stati eseguiti il 26 ottobre. I due sindaci hanno ordinato ai proprietari degli animali risultati infetti da brucellosi di isolarli in un ricovero separato sino al loro abbattimento, che dovrà avvenire sotto controllo ufficiale nel più breve tempo possibile e comunque non oltre 15 giorni dalla data di notifica delle istruzioni tecniche da parte del Servizio Veterinario. Nel frattempo tutti gli ovi-caprini infetti e le specie sensibili presenti nelle due aziende sono stati posti sotto sequestro sanitario, misura che vieta qualsiasi movimento di capi in entrata e in uscita, salvo autorizzazione per l’immediata macellazione. Gli allevamenti dovranno poi essere sottoposti a disinfezione e i pascoli utilizzati dagli esemplari infetti dovranno rimanere chiusi per 60 giorni. Gli animali sono stati lasciati in custodia ai proprietari degli allevamenti: le ordinanze di sequestro saranno revocate solo dopo che tutti i capi di bestiame presenteranno esito negativo alle prove ufficiali.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.