Martedì 07 Aprile 2020
Bloccata dalle forze dell'ordine dopo aver percorso circa 2 km sulla linea ferrata


S. Teresa di Riva. Donna cammina sui binari, scatta l'allarme - FOTO

di Andrea Rifatto | 09/04/2015 | CRONACA

2432 Lettori unici

Il capitano Mangiò e la donna intercettata sul ponte Agrò

E' scattato l'allarme a S. Teresa di Riva, intorno alle 12.30 di oggi, in seguito alla chiamata giunta ai centralini di Carabinieri e Polizia municipale per segnalare la presenza di una donna che stava camminando sui binari della ferrovia. Una pattuglia dei vigili urbani e una gazzella dell'Arma della locale stazione si sono immediatamente mosse a sirene spiegate per individuarla e bloccarla, in una corsa contro il tempo per evitare che il sopraggiungere di un treno proprio in quegli istanti potesse causare esiti tragici. Dopo aver tentato di rintracciarla all'altezza di via torrente Portosalvo e nel quartiere Bolina, nella zona sud del paese, ma senza alcun esito, la donna è stata bloccata mentre ancora camminava sulla linea ferrata sul ponte che collega S. Teresa di Riva e Sant'Alessio Siculo, sul torrente Agrò. A raggiungerla per primo è stato il comandante del Corpo di Polizia municipale, capitano Diego Mangiò, che l'ha invitata ad abbandonare immediatamente i binari, spiegandole come stesse mettendo in pericolo la propria incolumità e procedendo poi ad identificarla. Si tratta della 45enne R.D., di nazionalità rumena, residente a Sant'Alessio, che ha spiegato a carabinieri e vigili di essersi incamminata sul tracciato riservato alla circolazione ferroviaria a partire dalla stazione di S. Teresa, dove era scesa da un convoglio senza sapere poi come fare per raggiungere la cittadina del Capo, percorrendo così circa 2 km prima di essere bloccata e messa in salvo senza conseguenze. La circolazione dei treni sulla tratta Messina-Catania non ha subito alcun rallentamento.



COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.