Domenica 11 Aprile 2021
L'uomo si è spento in ospedale dopo quattro giorni per le gravi ferite riportate


S. Teresa, tragico incidente in casa: non ce l’ha fatta il pensionato caduto da una scala

di Redazione | 26/03/2021 | CRONACA

6206 Lettori unici | Commenti 1

Nicita (nel riquadro) si è spento al Policlinico

Non ce l’ha fatta l’uomo rimasto ferito lunedì mattina in un grave incidente domestico a Santa Teresa di Riva. Carmelo Nicita, 65 anni, si è spento oggi al Policlinico “Gaetano Martino” di Messina, dove era giunto in elicottero dopo la caduta avvenuta nella sua abitazione di via Pirandello, nel quartiere Barracca. Le condizioni erano apparse gravi sin da subito, a causa di una vasta emorragia cerebrale che ha portato i medici a ricoverarlo in prognosi riservata nel reparto di Terapia intensiva, e con il passare dei giorni il quadro clinico non ha fatto registrare miglioramenti ma le lesioni si sono ulteriormente estese fino a provocarne la morte. Una tragedia che si è consumata in pochi minuti lunedì mattina, quando il 65enne aveva deciso di portarsi sul terrazzo di casa per effettuare una riparazione all’antenna: era quindi salito su una scala a pioli in legno che però improvvisamente si è spezzata in due, facendolo precipitare da un'altezza di circa due-tre metri. L’uomo ha battuto violentemente il capo sul pavimento riportando un profondo trauma cranico e dopo l’arrivo dell’ambulanza è stato trasferito dall’elicottero del 118 al Policlinico a causa delle gravi lesioni subite. I medici hanno tentato fino ad oggi di far recuperare le funzioni cerebrali, così come i familiari hanno sperato che le sue condizioni potessero migliorare, ma il 65enne non si è ripreso ed è sopraggiunto il decesso. Carmelo Nicita era in pensione da un anno dopo aver lavorato con una società di portavalori e attualmente aiutava i figli nella gestione di un bar nella piazza centrale di Savoca, paese di cui era originario.


COMMENTI

Natale Catalfamo | il 26/03/2021 alle 18:59:30

Siamo profondamente costernati dalla ferale notizia. Che tragedia! Diana ed io desideriamo progere le nostre piu' sincere condoglianze ad Anna, Riccardo Francesca, e ai familiari tutti.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.