Martedì 29 Settembre 2020
Un giovane rimasto in balia delle onde è stato recuperato e riportato a riva


S. Teresa, surfista in difficoltà salvato in mare da un bagnino e da due atleti-volontari

di Redazione | 27/08/2020 | CRONACA

2306 Lettori unici

Il salvataggio del surfista

Un giovane che si trovava in difficoltà in mare a Santa Teresa di Riva con la sua tavola da windsurf è stato recuperato e tratto in salvo poco dopo le 15 di oggi grazie ad un intervento effettuato da uno dei bagnini di turno sulla spiaggia libera e da due volontari, entrambi atleti conosciuti nel comprensorio jonico. L’uomo, un trentenne di Antillo, aveva iniziato la navigazione da un lido all’estremità nord del paese, al confine con il torrente Savoca, e stava procedendo verso sud, quando giunto al centro del paese si è trovato in difficoltà a causa del distacco della vela dalla tavola, finendo in acqua trasportato alla deriva dalla forte corrente. A notare qualcosa di strano è stato un villeggiante che si trovava sul lungomare, che ha visto la tavola da windsurf in acqua senza però scorgere qualcuno che la governava o che si trovava nelle immediate vicinanze: il vacanziere ha quindi avvisato i bagnini della postazione sotto piazza Municipio, che non sono riusciti ad avvistare nessuno in mare intorno alla tavola, sospinta nel frattempo verso sud dalla corrente, e hanno allertato i colleghi della postazione successiva, nel quartiere Portosalvo. Il personale della seconda torretta, presidiata da Marco Rigano e Giulia Morales, ha scorto il giovane surfista in balia delle onde ed è stato subito messo in mare il pattino di salvataggio per recuperarlo, a bordo del quale sono salpati il bagnino Marco Rigano e due volontari, Damiano Rigano, giocatore della Pallavolo Letojanni ed Emilio Ferraro, atleta, campione di windsurf e istruttore della scuola da dove era partito il surfista, sopraggiunto nel frattempo in spiaggia non appena saputo dell'incidente occorso al suo allievo: i tre hanno raggiunto il trentenne traendolo in salvo sul mezzo di salvataggio, recuperando la tavola e la vela per poi fare ritorno a riva non senza difficoltà a causa della corrente e del vento, riuscendo ad approdare sulla battigia circa 50 metri più a sud all’altezza di via Torrente Portosalvo. Per il surfista nessuna conseguenza fisica ma solo un po' di spavento.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.