Lunedì 22 Ottobre 2018
Brutta disavventura per un anziano di Limina. Il pericolo era già stato segnalato


S. Teresa. Inciampa nel marciapiede sconnesso, batte la testa e finisce in ospedale

di Andrea Rifatto | 02/05/2018 | CRONACA

2401 Lettori unici | Commenti 3

L'ostacolo sul marciapiede

Brutta disavventura questa mattina a S. Teresa di Riva per un anziano di Limina. L'uomo, S. B., 68 anni, stava camminando sul marciapiede lato mare di corso Regina Margherita al centro del paese, a 30 metri da piazza Municipio, quando improvvisamente è inciampato nella grata in ferro posta a copertura di una bocca di lupo presente dinanzi a un edificio ed è finito rovinosamente a terra battendo la testa. Il 68enne è stato soccorso da alcuni passanti e dai titolari di attività commerciali della zona e pochi minuti dopo è giunta l'ambulanza dal vicino presidio del 118. Il personale sanitario, dopo le prime cure prestate sul posto, ha trasportato il liminese per maggiori accertamenti all'ospedale "Piemonte" di Messina, dove i medici gli hanno riscontrato un lieve trauma cranico e un trauma contusivo al ginocchio destro. Sul luogo della caduta è giunta anche la Polizia municipale, che ha rilevato come il telaio in ferro che sorregge un sottile strato di cemento, steso nel corso degli anni al posto delle mattonelle in vetro, si è notevolmente rialzato rispetto al livello del marciapiede, costituendo un pericoloso ostacolo per i pedoni. Il cattivo stato di conservazione della copertura dei locale interrato dell'edificio è stato segnalato da almeno due anni da diversi residenti della zona, anche perchè il manufatto si presentava già rialzato e non perfettamente in linea con il resto della pavimentazione della banchina. La Polizia municipale aveva quindi effettuato dei sopralluoghi relazionando sullo stato di fatto e scrivendo ai proprietari affinchè provvedessero a mettere in sicurezza l'area. L'ultima lettera inviata dal Comando dei Vigili urbani risale al 13 marzo, ma nulla è cambiato. Dopo l'incidente, il Comune ha posizionato due transenne evitando che altri pedoni possano incorrere nel rischio di inciampare e cadere. Un pericolo che va eliminato al più presto, considerando anche che si trova al centro del paese e in un tratto molto frequentato.

Sempre questa mattina una donna è inciampata finendo a terra sul marciapiede del lungomare, nel quartiere Portosalvo, a causa della pavimentazione sconnessa e in alcuni punti non ripristinata a regola d'arte. Interventi di piccola manutenzione che si rendono quantomai necessari per evitare sia danni fisici ai cittadini che l'insorgere di contenziosi per le insidie presenti lungo il territorio comunale.


COMMENTI

Santi Nitopi | il 02/05/2018 alle 22:27:09

Purtroppo parecchi marciapiedi sia al centro del paese che in periferia presentano sconnessioni e quindi pericoli per tutti noi. Per rendersi conto basta fare qualche passeggiata a piedi. Che un fatto come quello di oggi accada proprio al centro del paese, accanto al Bar Fiorino , non trova alcuna giustificazione. Per la manutenzione costante bastano pochi soldi e buona volontà ad occuparsene . Molto tempo e soldi invece servono per le manifestazioni come : Il Santo Carnevale, La Sagra del Vino, La festa della Primavera. L'incolumità dei cittadini non è importante e, così , quando succedono fatti spiacevoli siamo costretti a pagare costosi risarcimenti danni. Comunque.... possiamo consolarci con la " BANDIERA BLU' ".

fausto parra | il 03/05/2018 alle 08:10:25

consentiteci....bandiere blu e feste primaverili...mentre le campane suonano a morto per penuria di fondi!!!...ma andate a Palermo che qualche milionata la trovate!!!

massimo | il 03/05/2018 alle 14:32:21

Mi scusi Dott Rifatto , ma con i piccoli interventi non si vede il fumo , meglio le grosse opere economicamente più fruibili , visibili e facile da " ingoiare " , anche se non e il caso del nostro Paese , qui si eseguono nei particolari i piccoli e grossi interventi siamo un paese da invidia , bandiere blu , domani parcheggi a strisce blu , stiamo diventando sempre più blu, dovremmo diventare più verde , ma noi siamo un paese di Mare , chi l' amministra viene dalla montagna ma preferisce il blu , siamo a mare e i nostri colori sono blu .

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.