Venerdì 03 Luglio 2020
Prognosi di 5 e 10 giorni per i due fratelli picchiati nella loro abitazione


S. Teresa, dissidi familiari alla base dell'aggressione: fioccano le denunce

di Andrea Rifatto | 05/02/2020 | CRONACA

2417 Lettori unici

La caserma dei Carabinieri

Se la sono cavata con 10 e 5 giorni di prognosi per le lesioni riportate i fratelli aggrediti domenica sera in casa a S. Teresa di Riva. I due, di 42 e 51 anni, sono stati medicati in ospedale dopo i colpi subiti mentre si trovavano nella loro abitazione di via Savoca, nel quartiere Cantidati, dove è giunto a picchiarli un 27enne di Nizza di Sicilia, conosciuto dalle vittime in quanto intrattiene una relazione sentimentale con la figlia del 42enne. L’uomo, dopo aver suonato al campanello, si è introdotto nell’alloggio dove i due vivono con l’anziana madre e in pochi attimi è scoppiato il putiferio: il giovane si è scagliato in particolare contro il suocero, colpendolo con calci e pugni in testa e sul volto, e dopo aver picchiato anche il fratello ha spedito entrambi in ospedale. Un’aggressione che sembrerebbe sia dovuta a motivi di natura sentimentale e legata a dissidi che da tempo intercorrono tra i soggetti coinvolti, tutti con situazioni familiari difficili e già noti alle Forze dell’ordine. Domenica sera nell’abitazione teatro dell’aggressione erano intervenuti i carabinieri della Stazione di Santa Teresa e della Compagnia di Taormina, oltre che l’ambulanza del 118: il giorno dopo sia i fratelli santateresini che il giovane nizzardo hanno sporto querela in caserma denunciandosi a vicenda e sarà adesso l’Autorità giudiziaria ad indagare sull’accaduto.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.