Sabato 04 Aprile 2020
Incidente sul rettilineo della Strada statale 114: colpiti due sportivi di Furci


Prete travolge ciclisti a Letojanni, tre persone finiscono in ospedale - FOTO

di Andrea Rifatto | 14/10/2019 | CRONACA

9540 Lettori unici

Le bici investite e l'auto contro il guardrail

Poteva avere conseguenze ben più gravi l'incidente che si è verificato ieri mattina sulla Strada statale 114 a Letojanni. Vittime, loro malgrado, alcuni ciclisti che procedevano in direzione Catania, travolti da un’autovettura intorno alle 7.45 sul rettilineo all'altezza del centro abitato. Al volante vi era un sacerdote della val d'Agrò, che si stava recando a celebrare messa procedendo nello stesso senso di marcia a bordo di una Fiat Panda. Davanti a lui si trovava la comitiva di ciclisti, che pochi metri prima dell’autovelox si è spostata leggermente verso il centro della carreggiata perchè sulla destra si trovava fermo un pullman che stava caricando dei passeggeri: l'automobilista, premendo sul pedale del freno per rallentare, ha però perso il controllo dell'auto colpendo prima due ciclisti e finendo poi la propria corsa schiantandosi contro il guard rail sul lato opposto della carreggiata. I feriti, F. D., 61 anni e G. F, 50, entrambi di Furci, sono stati aiutati dai compagni e soccorsi poco dopo dall’ambulanza del 118 di Letojanni, prima di essere trasportati all’ospedale di Taormina con politraumi agli arti inferiori e superiori e giudicabili guaribili entro sette giorni; ferito anche il prete, che nell'urto contro le barriere ha riportato contusioni e traumi da cui guarirà in dieci giorni. Sulla Statale sono intervenuti per ricostruire la dinamica ed effettuare i rilievi di rito gli agenti della Polizia municipale di Letojanni. A causare l’incidente, come scoperto successivamente dagli accertamenti tecnici effettuati sul mezzo, è stata la rottura della tubazione dell'impianto frenante dell'utilitaria, poi rimossa da un carroattrezzi. Sul posto anche una pattuglia dei Carabinieri.



COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.