Martedì 27 Ottobre 2020
La conversazione in cui comunica ai carabinieri l'assassinio della ragazza


Morte di Lorena, la telefonata di De Pace al 112: "L’ho ammazzata, non so manco io come"

di Andrea Rifatto | 04/04/2020 | CRONACA

6202 Lettori unici

De Pace ha telefonato al 112 intorno alle 8.20

Sono le 8.20 circa di martedì 31 marzo, Antonio De Pace è nell’appartamento di via Delle Mimose 12 di Furci Siculo in cui convive con Lorena Quaranta, ormai priva di vita a terra in camera da letto. Il giovane infermiere è agitato, ha tentato il suicidio tagliandosi le vene e il collo e immergendosi nella vasca piena d’acqua. È scalzo, con addosso il pigiama inzuppato d'acqua, si aggira per casa, fin quando decide di comporre il 112 sulla tastiera del suo smartphone ed effettua la chiamata. Dall’altro lato risponde l’operatore del Numero Unico di Emergenza, che gira la telefonata alla Centrale operativa della Compagnia Carabinieri di Taormina. Il 27enne racconta cosa è successo al carabiniere. Pochi istanti dopo giungono a Furci due pattuglie dei carabinieri della Stazione di S. Teresa di Riva ai comandi del luogotenente Maurizio La Monica, seguiti dal comandante della Compagnia di Taormina, capitano Arcangelo Maiello e il suo vice, il capitano Francesco Galante, comandante del Nucleo Operativo. A seguire giungeranno poi gli altri colleghi che lavoreranno per ore sulla scena del crimine.

Ecco la trascrizione della telefonata di De Pace al 112:


OPERATORE CC: Carabinieri Taormina!

OPERATORE NUE: Sì, 879, ho un utente di Furci Siculo, vie Delle Mimose, ve lo passo…!

OPERATORE CC: Prego… Pronto?

DE PACE: Sì!

OPERATORE CC: Prego, i Carabinieri di Taormina!

DE PACE: Sì, ho commesso un omicidio!

OPERATORE CC: Che ha fatto?

DE PACE: Un omicidio!... (linea disturbata) Antonio De Pace

OPERATORE CC: Ma lei?

DE PACE: Sì!

OPERATORE CC: A chi ha ammazzato… scusi!

DE PACE: La mia fidanzata!

OPERATORE CC: Ma a casa?

DE PACE: Si!

OPERATORE CC: E come l’ha ammazzata scusi?

DE PACE (sospiri)

OPERATORE CC: Pronto!

DE PACE: Mi sente?

OPERATORE CC: Sì a Furci dove?

DE PACE: Furci Siculo, via Delle Mimose numero 12

OPERATORE CC: E come l’ha ammazzata scusi?

DE PACE: (sospiri)

OPERATORE CC: Pronto, mi sente?

DE PACE: Sì

OPERATORE CC: Dico come l’ha ammazzata mi scusi

DE PACE (sospiri) non lo so manco io

OPERATORE CC: Ma la sua ragazza è lì?

DE PACE: Sì, è stesa

OPERATORE CC: Va bene, ok ora mandiamo qualcuno, via Delle Mimose 12 giusto, giusto?

DE PACE: Sì

OPERATORE CC: Va bene ok, salve

Più informazioni: femminicidio furci  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.