Martedì 02 Marzo 2021
Intervento di Carabinieri e Asp in una struttura abusiva con animali non tracciati


Mongiuffi Melia, suini allevati e macellati clandestinamente: sequestro e denuncia

di Andrea Rifatto | 09/02/2021 | CRONACA

1822 Lettori unici

Proseguono i controlli del territorio

Un allevamento abusivo e sconosciuto alle autorità, dove venivano tenuti in condizioni precarie e poi macellati suini di dubbia provenienza. È quanto hanno scoperto i Carabinieri a Mongiuffi Melia, nella zona a monte del paese al confine con Castelmola, durante le attività di controllo del territorio. I militari dell’Arma sono intervenuti in un allevamento in contrada Saracena, insieme al personale del Servizio Veterinario dell’Asp di Taormina, e al termine delle verifiche hanno disposto il sequestro della struttura denunciando all’Autorità giudiziaria la persona che deteneva gli animali. Sui luoghi i carabinieri, ai comandi del maresciallo Domenico Musolino, hanno trovato circa 50 maiali privi di qualsiasi elemento identificativo, dunque non tracciati né controllati sotto il profilo sanitario, resti di animali e diverse apparecchiature e strumenti per la lavorazione della carne, ipotizzando quindi che avvenisse l‘attività di macellazione clandestina. La porcilaia abusiva, che tra l’altro sorge in zona con vincolo paesaggistico e idrogeologico, è stata posta sotto sequestro insieme a tutte le apparecchiature rinvenute, così come il veterinario dell’Asp, il dottor Francesco Briguglio, ha firmato il sequestro sanitario dei maiali, la cui provenienza è sconosciuta. In contrada Saracena sono giunti anche anche i tecnici del Comune e dell’Enel e quest’ultimi avrebbero riscontrato il prelievo di energia con modalità illecite. Per il detentore degli animali, il 41enne G. S. residente a Castelmola, è scattata quindi la denuncia per macellazione clandestina, furto di energia elettrica, ricettazione e violazione della normativa edilizia. Ieri il sindaco di Mongiuffi Melia, Rosario D’Amore, ha firmato l’ordinanza che dispone sequestro sanitario cautelativo dell’allevamento di suini e ha nominato come custode l‘uomo che si è occupato finora degli animali.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.