Sabato 04 Luglio 2020
Frode fiscale per 9 milioni di euro. Ai domiciliari Andrea Currò e il consulente Nigrelli


Messina. Arrestati i vertici della Currò Trasporti - VIDEO

28/01/2015 | CRONACA

4011 Lettori unici

Operazione “Dark Truck 2” della Gdf di Messina e Palermo

Nella mattinata di oggi i militari dei Nuclei di Polizia tributaria della Guardia di Finanza di Palermo e di Messina hanno eseguito due ordinanze di custodia cautelare agli arresti domiciliari nei confronti di Andrea Currò, amministratore della “Currò Trasporti Srl”, società messinese di trasporto di merci su strada, e del proprio consulente fiscale, il rag. Michele Nigrelli, con l’accusa di l’associazione a delinquere, utilizzo ed emissione di fatture per operazioni inesistenti, dichiarazione infedele, omessi versamenti IVA, occultamento e distruzione di scritture contabili ed illecita somministrazione ed utilizzo di manodopera. I due sono stati arrestati per essere stati ideatori di un articolato sistema di frode fiscale che ha visto, tra l’altro, la partecipazione attiva di ulteriori sei soggetti. I provvedimenti restrittivi, richiesti dal pool della Procura della Repubblica di Messina, coordinato dal procuratore aggiunto Sebastiano Ardita, sono stati emessi dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale peloritano, il quale ha ritenuto particolarmente gravi le condotte poste in essere dagli organizzatori dell’associazione a delinquere.
L’inchiesta, denominata “Dark Truck 2”, prende le mosse dagli sviluppi di una precedente attività investigativa svolta dal Nucleo di Polizia tributaria di Palermo, che già nel marzo 2012, su disposizione di quella Procura della Repubblica, aveva portato al sequestro di beni fino ad un valore complessivo di 62 milioni di euro, nonché il sequestro di 5 cooperative di trasporto di merci su strada, per aver emesso fatture per operazioni inesistenti nei confronti di numerosi soggetti economici, per un ammontare superiore a 120 milioni di euro. Nel corso del’attività d’indagine, gli investigatori appuntavano l’attenzione nei confronti delle società “Europa Trasporti Srl” (già “Currò Srl") e della “Currò Trasporti Srl", riconducibili al gruppo imprenditoriale della famiglia Currò di Messina, quali utilizzatrici di fatture per operazioni inesistenti, emesse dalle cooperative palermitane (MA.DA. Group, GI.DA. Group e Millenium Trasporti), le quali, in qualità di società “cartiere”, si erano interposte fittiziamente nell’assunzione del personale, attraverso la stipula di simulati contratti di appalto di servizi, consentendo, in tal modo, di far conseguire indebiti vantaggi fiscali alle due società messinesi.
Nel prosieguo delle indagini, gli approfondimenti hanno consentito non solo di verificare detta illecita utilizzazione di fatture per operazioni inesistenti, ma anche di accertare l’elevato livello di complessità della frode approntata dagli organizzatori, all’evidente scopo di rendere più difficoltosa l’individuazione della stessa da parte degli organi inquirenti. Nello specifico, tale sistema ha previsto non solo l’utilizzazione delle fatture emesse dalle cooperative palermitane, ma anche l’interposizione fittizia di una società, priva di qualsiasi struttura patrimoniale, organizzativa ed imprenditoriale, l’Europa Trasport Srl, tra la “Currò Trasporti Srl”, beneficiaria finale del sistema di frode, e le citate cooperative palermitane. L’”Europa Trasporti” riceveva le fatture per appalto di servizi dalle cooperative palermitane e, a sua volta, rifatturava le medesime prestazioni alla “Currò Trasporti”. A seguito del sequestro delle cooperative “cartiere” palermitane, Andrea Currò, con la collaborazione del consulente fiscale Michele Nigrelli, cedeva le quote societarie della Cooperativa Europa Trasporti ad una società di diritto inglese (Fishy Biziness Ltd con sede legale a Londra), al fine di ostacolare l’individuazione dell’effettivo proprietario nel caso di future indagini. Inoltre, il Currò e il Nigrelli, grazie alla collaborazione degli odierni indagati, costituivano due ulteriori società, la “Inlog Srl” e la “One Global Service Srl”, con sede rispettivamente in Catania e Mistretta, ma di fatto operanti presso la “Currò Trasporti”, le quali fornivano formalmente anch’esse manodopera alla “Currò Trasporti”, mentre i mezzi utilizzati per la movimentazione delle merci erano di proprietà di quest’ultima, concessi alle società in comodato d’uso gratuito. Le due società, dopo l’avvio delle attività ispettive, venivano poste in liquidazione.
Le indagini hanno consentito di quantificare imposte evase per oltre 8,2 milioni di euro e il mancato versamento di contributi previdenziali da parte delle società, le quali, pertanto, non solo non hanno versato un euro alle casse dell’erario, ma hanno anche consentito di utilizzare manodopera ad un costo notevolmente inferiore rispetto a quello “legale”, con conseguente “distorsione” degli equilibri del mercato e del corretto funzionamento delle regole sulla concorrenza. Sono in corso di esecuzione i provvedimenti di sequestro, nella forma “per equivalente”, sulle disponibilità finanziarie e sui beni immobili degli indagati, fino alla concorrenza del debito tributario. 

Nel prosieguo dell’attività operativa gli uomini delle Fiamme gialle hanno dato esecuzione al sequestro preventivo di disponibilità finanziarie, quote societarie detenute in 8 società e 26 immobili per un ammontare complessivo pari a circa 5,8 milioni di euro, nei confronti di tutti i partecipanti al sodalizio criminale. Oltre ai due soggetti arrestati ieri, sono coinvolti Graziella Currò, 41 anni, nata e residente a Messina, in qualità di amministratrice dell’”Europa Trasporti Srl”, società filtro interposta fra la beneficiaria finale del sistema di frode (“Currò Trasporti Srl”, di cui è socia al 35% unitamente al fratello Andrea) e le cooperative palermitane che hanno emesso fatture per operazioni inesistenti; Giuseppe Costanza, 38enne nato in Svizzera e residente a Sant’Agata di Militello, amministratore della “Inlog Srl”, anch’essa costituita per emettere fatture false alla “Currò Trasporti”; Antonino Sorbera, 41 anni, nato e residente a Mistretta; Dino Vaccaro, 29 anni, nato e residente a Mistretta; Alvise Arrigo Lipari, 68enne nato a Reitano e residente a Santo Stefano di Camastra: tutti nella qualità di amministratori succedutisi nella gestione della “One Service Global Srl”, anch’essa costituita al solo scopo di emettere fatture false alla “Currò Trasporti”. Ulteriore soggetto coinvolto nell’inchiesta della Guardia di Finanza è Giuseppe Leggio, amministratore della “Fishy Biziness Ltd”, oscura società di diritto inglese acquirente delle quote societarie detenute dai Currò nell’”Europa Trasporti Srl”, al quale è imputata la distruzione della contabilità di quest’ultima, in concorso col ragioniere Michele Nigrelli. In esecuzione della misura cautelare disposta, sono stati sottoposti a sequestro disponibilità finanziarie per circa 310mila euro, l’intero capitale sociale della “Currò Trasporti Srl” (2,3 milioni di euro), le quote societarie detenute dagli indagati in ulteriori 7 società, per complessivi 2,9 milioni di euro, e 26 immobili (15 terreni e 11 fabbricati ubicati fra Messina, Mistretta, Reitano e Sant’Agata di Militello) per un valore catastale complessivo di circa 250mila euro.

Più informazioni: currò trasporti  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.