Martedì 06 Dicembre 2022
Controlli di Carabinieri e Ispettorato del Lavoro. Tre lavoratori in nero e tre irregolari


Lotta al lavoro nero, sanzioni per 30mila euro tra Messina e provincia

05/05/2015 | CRONACA

1892 Lettori unici

I carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro e del Comando provinciale di Messina, unitamente agli Ispettori civili della Direzione territoriale del Lavoro su input del direttore territoriale, hanno proseguito nei controlli in città continuando a scoprire lavoro nero ed irregolarità contrattuali. I controlli sono relativi all’ultima parte del mese di aprile e si sono svolti in diversi settori fra cui edilizia e commercio. Gli accertamenti, che hanno coinvolto cinque aziende fra edili e commerciali, hanno riguardato 13 posizioni lavorative di cui 3 in nero, 3 irregolari e 7 regolari. Contestate sanzioni amministrative ed ammende per oltre 30mila euro. Tre i cantieri edili ispezionati: a Messina, in un primo cantiere, è stato scoperto un lavoratore in nero su tre operai presenti, mentre in un secondo sopralluogo, su tre presenti, tutti sono risultati in stato d’irregolarità contrattuale, per i quali è stata anche contestata la mancata consegna dei cartellini di riconoscimento. A Villafranca Tirrena, in un terzo cantiere, i militari hanno riscontrato invece numerose inosservanze al testo unico sulla sicurezza n.81/08, per cui hanno deferito il titolare per non avere assicurato la sorveglianza sanitaria ai propri lavoratori, non avendogli garantito le  visite mediche preventive;  non avere provveduto alla formazione ed informazione dei dipendenti; non avere adottato in cantiere le misure organizzative necessarie per evitare la movimentazione  di carichi pendenti da parte di 2 lavoratori dipendenti e per essersi appropriato di 6mila 300 euro di un dipendente erogati dall’Inail a seguito di un infortunio.

Nel settore commercio le ispezioni hanno riguardato la città di Messina. Nel laboratorio di una pasticceria è stato scoperto un lavoratore in nero su tre presenti: al titolare è stata contestata la maxi sanzione per il lavoro nero e la mancata consegna della copia del contratto di lavoro ad uno degli altri due dipendenti. In un negozio di casalinghi è stato individuato un altro lavoratore in nero su due presenti. Al titolare, anche in questo caso, è stata contestata la maxi sanzione per il lavoro nero, l’omessa comunicazione di assunzione e la mancata consegna della copia del contratto di lavoro. I controlli proseguiranno nei prossimi giorni con la rotazione di obiettivi ed orari.     


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.