Venerdì 03 Dicembre 2021
Un giovane è finito in codice rosso in ospedale, l'altro interrogato in caserma


Lite tra fratelli a Mandanici, uno ferito da un colpo di fucile: indagano i Carabinieri

di Andrea Rifatto | 18/04/2020 | CRONACA

2360 Lettori unici

L'abitato di Mandanici

Grave fatto di cronaca ieri sera a Mandanici. Un litigio tra due fratelli si è infatti concluso con un colpo d’arma da fuoco che ha ferito uno dei due e solo per miracolo non si è sfiorata la tragedia. Ad avere un alterco due giovani allevatori, che hanno iniziato a discutere intorno alle 19 all’interno di un terreno che gestiscono nella zona a monte del paese, quando sembrerebbe che dalle parole si è passati alle mani e il più giovane, M. R. di 28 anni, è stato colpito al braccio sinistro da un colpo d’arma da fuoco, esploso molto probabilmente da un fucile che sarebbe stato imbracciato dal fratello. La vittima è riuscita a fuggire e grazie all’aiuto di un amico, si è allontanata a bordo di un’auto, chiedendo l’intervento dei soccorsi. Scattato l’allarme, sono intervenuti i carabinieri della Stazione di Mandanici e l’ambulanza del 118 della postazione di Santa Teresa, che ha incrociato l’auto con il ferito sulla Provinciale 25 Roccalumera-Mandanici, all’altezza di Pagliara, dove il 28enne è stato caricato e condotto in codice rosso al pronto soccorso del Policlinico di Messina. I medici del reparto di Chirurgia vascolare gli hanno riscontrato una profonda ferita ma il proiettile non ha leso parti vitali e il giovane, che dunque non si trova in condizioni gravi, verrà molto probabilmente sottoposto ad un intervento di ricostruzione della zona colpita. L’altro fratello, dell’età di 29 anni, è stato condotto in caserma a Mandanici e interrogato fino alla tarda notte dai militari dell’Arma guidati dal maresciallo Rosario Carrolo e dai colleghi della Compagnia di Messina Sud, ai comandi del maggiore Alessandro Brunetti, che si sono recati anche al Policlinico. Già questa mattina, dunque, potrebbero essere stati formalizzati provvedimenti a suo carico. Ancora ignoti i motivi che hanno scatenato il litigio, che potrebbe essere legato alla gestione dei pascoli nei terreni di Mandanici oppure a dissidi familiari di altra natura. Le indagini dei Carabinieri puntano a fare piena luce sul fatto.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.