Giovedì 29 Febbraio 2024
La salma del 38enne rientra nella sua Scifì: oggi i funerali, proclamato lutto cittadino


La tragica morte di Francesco Savoca: dopo l'autopsia la Procura attende le prime risposte

di Andrea Rifatto | 04/01/2023 | CRONACA

6179 Lettori unici

Il muretto della Sp 12 non ha opposto resistenza all'urto

Poche ore prima era al bar, a scherzare con gli amici e ad offrire caffè a tutti, poi mentre tornava a casa la morte lo ha incrociato su quel ponte, portandolo via nel fiore degli anni. Una tragedia che ha sconvolto la valle d’Agrò la morte di Francesco Savoca, il 38enne di Forza d’Agrò, residente nella frazione Scifì, che ha perso la vita sabato scorso in un incidente sulla Strada provinciale 12 che collega Sant’Alessio Siculo a Roccafiorita. La sua salma è tornata oggi in paese nella chiesa di Sant’Alfio, Filadelfo e Cirino di Scifì, dove alle 15 si svolgeranno i funerali. E oggi, a Forza d’Agrò, sarà lutto cittadino, proclamato ieri dal sindaco Bruno Miliadò per interpretare il dolore e lo sconcerto dell’intera comunità per il drammatico avvenimento e per esprimere il cordoglio per la scomparsa del 38enne, che svolgeva la professione di tecnico impiantista, e ricordare la sua giovane vita spentasi tragicamente. Una morte che ha suscitato commozione strappandolo all’affetto della famiglia e della comunità intera. In segno di profondo rispetto e di partecipazione al dolore e il primo cittadino ha ordinato l’esposizione delle bandiere a mezz’asta sugli edifici comunali e pubblici, invitando agli esercenti commerciali e artigianali alla chiusura delle attività in segno di raccoglimento e rispetto durante lo svolgimento della cerimonia funebre. In paese e nei comuni limitrofi è stata inoltre avviata una raccolta fondi per aiutare la famiglia.

Ieri pomeriggio è stata effettuata l’autopsia al Policlinico di Messina, subito dopo che il sostituto procuratore Francesca Bonanzinga, titolare dell’inchiesta aperta dalla Procura della Repubblica, ha conferito l’incarico al medico legale Daniela Sapienza. Il magistrato ha concesso 90 giorni per la consegna delle risultanze dell’esame autoptico, ma non è escluso che i tempi possano essere anche più lunghi. Dai primi accertamenti sembrerebbe che il decesso sia stato provocato dall'impatto del mezzo nel vallone, ma solo dopo gli esiti di tutti gli esami e le analisi sarà possibile stabilire l’esatta causa della morte e comprendere cosa sia successo al giovane, che tra le 12.40 e le 13 del 31 dicembre è precipitato per oltre dieci metri con il suo fuoristrada Mitsubishi dal ponte al km 17,100 in contrada Brisi, in territorio alessese, mentre procedeva verso monte in direzione Scifì. La famiglia, assistita dagli avvocati Filippo Brianni e Massimo Brigandì, ha nominato come proprio consulente il medico legale Antonino Bondì, che ieri ha partecipato all’accertamento tecnico irripetibile. Il fascicolo di indagine è stato aperto al momento a carico di ignoti, in quanto la Procura vuole prima avere sul tavolo gli esiti dell’autopsia per accertare se Francesco Savoca abbia avuto un malore che possa avergli fatto perdere i sensi fino a sterzare verso destra e sfondare il muretto in cemento. Tra le altre ipotesi anche quella di un colpo di sonno, una distrazione, un guasto meccanico alla jeep o una manovra compiuta in extremis per evitare un altro mezzo, anche se sull'asfalto non vi sono tracce di sbandamento o frenata: in ogni caso potrebbe essere utile rintracciare i veicoli transitati in quei venti minuti sulla Sp 12, soprattutto in direzione valle, perchè qualcuno potrebbe aver visto qualcosa oppure essere coinvolto nell’incidente. A nulla è servito quel vecchio parapetto in cemento non armato, alto 45 centimetri e largo 35, da anni in stato di degrado, che si è sgretolato senza effettuare alcuna resistenza all’impatto, in un punto pericoloso dove invece le protezioni dovrebbero essere ben più solide: un tratto di circa dieci metri del muretto, in corrispondenza del punto dell’incidente, è stato posto sotto sequestro dai carabinieri di Sant’Alessio Siculo, che stanno svolgendo le indagini.

Più informazioni: incidente brisi  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.