Giovedì 20 Settembre 2018
Fermato dai carabinieri su segnalazione di un commerciante che ha fiutato l'inganno


Giardini Naxos. Tenta di pagare con banconote false, denunciato 20enne

04/12/2015 | CRONACA

865 Lettori unici

Stava tentando di smerciare una banconota falsa negli esercizi commerciali di Giardini Naxos ma non è riuscito nel suo intento ed è stato raggiunto e denunciato dai carabinieri della Compagnia di Taormina. Nella serata di ieri una pattuglia del Nucleo Radiomobile stava transitando lungo le vie della cittadina naxiota quando un commerciante ha fermato i militari riferendo che un giovane aveva tentato poco prima di effettuare un pagamento con una banconota da 50 euro falsa. Il negoziante si è però reso conto che c’era qualcosa di strano e ha rifiutato il pagamento. Mentre il giovane si stava allontanando, è stato raggiunto dalla gazzella dell’Arma e i militari lo ha fermato e condotto in caserma per accertamenti, nel corso dei quali è stato trovato in possesso della banconota falsa. Nel contempo un’altra pattuglia della stazione di Giardini Naxos ha raccolto la testimonianza di un altro esercente che poco prima aveva ricevuto la visita dello stesso giovane in cerca di facili guadagni. Anche in quel caso il commerciante aveva rifiutato il pagamento. Il fermato, un ventenne nato a Catania ma residente a Caltanissetta, è stato dunque denunciato per tentata spendita di banconote falsificate. Era già noto alle forze dell’ordine per altri reati. In questo caso l’atteggiamento zelante dei commercianti e la tempestiva comunicazione ai carabinieri ha consentito di evitare che potesse mettere in atto il suo intento. I carabinieri non escludono che nel periodo natalizio i tentativi di spaccio di banconote false possano subire un incremento e per questo auspicano una costante e tempestiva collaborazione da parte della popolazione, in particolare dei commercianti.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.