Domenica 21 Ottobre 2018
Beccate dai Carabinieri grazie alle telecamere. Quattro ai domiciliari e uno in carcere


Furto del 2016 in un supermercato di Gaggi, arrestate cinque persone - VIDEO

01/08/2018 | CRONACA

1597 Lettori unici

Gi arrestati e un'immagine del furto

Pensavano probabilmente di averla fatta franca per quel furto al “Conad” di Gaggi, ma dopo quasi due anni i carabinieri della Compagnia di Taormina hanno fatto scattare ai loro polsi le manette. Alle prime luci di oggi i militari hanno infatti arrestato cinque persone in esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal giudice delle indagini preliminari di Messina, su richiesta della locale Procura della Repubblica, accusate di furto aggravato in concorso per aver svaligiato il supermercato della cittadina alcantarina a fine settembre 2016. Gli arrestati, tutti già noti alle forze dell’ordine per reati analoghi, sono Ilie Caldararu, romeno di 35 anni domiciliato a Catania, rinchiuso in carcere; Santo Ravasco e Paolo Cosentino, entrambi 24enni, Salvatore Leonardi, 22 anni edil 21 enne Omar Nassibi, tutti catanesi finiti agli arresti domiciliari.

Le indagini sono state avviate dopo il furto a seguito della denuncia sporta dal titolare del supermercato il quale, nella notte tra il 24 ed il 25, aveva subito una razzia nel proprio esercizio commerciale per un valore complessivo di oltre 35 mila euro tra controvalore della merce sottratta e danni patiti. Gli inquirenti, sin da subito, acquisivano le registrazioni dell’impianto di videosorveglianza del locale da cui si rilevava la presenza di cinque individui che, approfittando dell’oscurità della notte, avevano forzato la porta del magazzino posto nel retro del negozio e si erano introdotti all’interno dei locali commerciali.  Questo era l’incipit investigativo che permetteva ai militari della Stazione Carabinieri di Graniti, competente per territorio, di avviare l’indagine cui si univa l’intuizione che i ladri potessero avere effettuato un sopralluogo per studiare il colpo nei giorni immediatamente precedenti. I carabinieri iniziavano, pertanto, una certosina analisi dei filmati del sistema di videosorveglianza, individuando due soggetti che il giorno prima si aggiravano nel locale con fare sospetto. Si trattava, per l’appunto, di due soggetti ben noti alle forze dell’ordine e con numerosi precedenti specifici, i quali erano all’interno del supermercato studiandone la pianta. Nella specifica circostanza, correttamente interpretata dagli inquirenti come un vero e proprio “sopralluogo”, veniva identificato anche un terzo complice il quale aveva accompagnato i primi due a bordo di un’autovettura e, con questo veicolo a conclusione dell’attività di osservazione, li recuperava. Sin da subito è apparsa chiara l’incontrovertibile somiglianza dei soggetti individuati nel “sopralluogo” del giorno precedente con alcuni degli autori del furto circostanza non certo casuale anche in considerazione del breve arco temporale rispetto alla commissione del reato, avvalorata dal fatto che uno di questi indossava abiti del tutti simili a quelli utilizzati durante il citato sopralluogo.

Un’ulteriore prova fondante per gli investigatori è stata l’analisi e lo studio  dei tabulati di traffico telefonico delle utenze in uso ai rei. Infatti – attraverso i numerosi contatti tra le utenze oggetto d’indagine nella fascia oraria notturna interessata al reato e l’analisi delle celle telefoniche agganciate dalle utenze – gli inquirenti sono riusciti a tracciare il percorso compiuto dagli indagati provenienti da Catania e diretti proprio a Gaggi in concomitanza con l’ora del reato. Le riprese del sistema di video sorveglianza hanno inoltre evidenziato la professionalità e  l’organizzazione dei cinque soggetti costituenti il gruppo criminoso, ognuno dei quali svolgeva un compito specifico. Difatti mentre tre si impossessavano della refurtiva, gli altri due fungevano da palo a bordo di un autovettura che faceva la ronda per le vie del paese con l’evidente compito di avvertire i propri complici all’eventuale sopraggiungere delle forze dell’ordine. Nonostante la professionalità dimostrata, un ulteriore errore è stato commesso da uno dei rei che chiamava con il nome di battesimo il complice Caldararu, che in quel momento era impegnato a rovistare nelle casse del locale: questi, infastidito dall’errore del complice,  reagiva stizzito colpendolo alla spalla. La merce rubata veniva caricata su un furgone sottratto poco prima proprio allo scopo. Il veicolo veniva parcheggiato all’ingresso del magazzino e rapidamente caricato da tuti i ladri, dopo un attenta selezione della merce di maggior valore. Il furgone rubato con il carico sottratto si allontanava con la staffetta dell’autovettura che lo anticipava per prevenire eventuali controlli delle forze dell’ordine.

Le risultanze investigative portavano quindi a ritenere oltremodo sussistenti le esigenze cautelari a carico dei cinque scassinatori, tutti gravati da precedenti specifici e dediti in maniera pressoché professionale alla commissione di reati contro il patrimonio.L’attività d’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Messina, consentiva pertanto di giungere all’applicazione di idonea misura cautelare nei confronti dei cinque per furto aggravato in concorso. Espletate le formalità di rito, gli indagati sono stati posti a disposizione della competente Autorità giudiziaria.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.