Domenica 19 Settembre 2021
Operazioni dei Carabinieri di Taormina. Sequestrati quasi due kg di marijuana


Droga ed evasione, quattro arresti tra Giardini e Francavilla

15/09/2017 | CRONACA

2262 Lettori unici

La droga, il denaro e il materiale sequestrati

Due distinte operazioni dei carabinieri della Compagnia di Taormina hanno portato all’arresto di quattro persone tra i comuni di Giardini Naxos e Francavilla di Sicilia. I militari del Nucleo operativo, nell’ambito dei servizi tesi alla prevenzione e repressione dei reati inerenti gli stupefacenti,  hanno arrestato nella prima operazione due giovanissimi  pusher 19enni, di Mascalucia, D.P.A.N., e U.E.F. le loro iniziali, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo marijuana. I due, che da tempo si erano trasferiti nella cittadina naxiota dove dimoravano stabilmente, sono stati bloccati dai militari della locale Stazione e dai colleghi di Taormina e sottoposti a perquisizione personale e domiciliare. Nel corso delle operazioni i carabinieri hanno rinvenuto ben occultati all’interno dell’appartamento circa 350 grammi di marijuana in due grosse buste. Sempre a Giardini, al termine dell’ennesima operazione, in prosecuzione di una serie di arresti per droga effettuati tra Taormina e Giardini e che ha visto coinvolti tutti i militari della Compagnia taorminese durante l’estate, i militari hanno tratto in arresto un cittadino italiano, già conosciuto alle Forze dell’ordine, P.C., 27 anni, giarrese ma residente a Giardini, sempre per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo marijuana. Gli uomini dell’Arma, intervenuti dopo aver bloccato l’uomo, lo hanno condotto presso la sua abitazione dove, ben celati, hanno trovato 1,5 kg di sostanza stupefacente di marijuana suddivisa in sette confezioni, quattro bilancini di precisione e denaro contante custodito nel portafoglio dell’arrestato, con tagli da 50 e 20 euro. A Francavilla è stato invece arrestato un cittadino del posto per evasione dal regime degli arresti domiciliari. Gli arrestati, espletate le formalità di rito, sono stati condotti tutti presso il proprio domicilio in regime di arresti domiciliari, in attesa di essere giudicati con rito direttissimo innanzi alla competente Autorità giudiziaria di Messina.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.