Lunedì 06 Aprile 2020
La donna se n'è accorta dando l'allarme: il ladro era nascosto in un cespuglio


Deruba una turista nella camera di un hotel di Taormina, 49enne arrestato dai carabinieri

di Redazione | 22/10/2019 | CRONACA

2032 Lettori unici

Carabinieri nel centro storico di Taormina

Si è introdotto nella camera di un hotel di Taormina e approfittando del fatto che l’ospite, una turista inglese, fosse in dormiveglia, si è impossessato del suo portafoglio poggiato su un tavolo allontanandosi immediatamente. La donna si è però accorta in tempo della presenza del ladro nella sua stanza e ha avvisato la reception della struttura, l'hotel Ariston di via Bagnoli Croce, da dove il vicedirettore ha telefonato alla Centrale operativa del Comando Compagnia Carabinieri di Taormina segnalando l’accaduto e descrivendo sommariamente l’uomo ed il suo abbigliamento. Di lì a poco il ladro, il 49enne algerino Kamal Iratni, domiciliato a Catania, è finito nelle mani dei militari dell’Arma, che lo hanno arrestato per furto in abitazione e porto di oggetti atti ad offendere. I carabinieri, acquisita la descrizione del sospetto ladro, hanno inviato sul posto le pattuglie delle Stazioni di Taormina e Letoianni, che hanno raggiunto l’Hotel e iniziato le ricerche dell’uomo nelle vie limitrofe, rintracciandolo poco distante nascosto in un cespuglio: i militari gli hanno quindi intimato di uscire con le mani in vista e lo hanno sottoposto a perquisizione rinvenendo, all’interno di un borsello che teneva a tracolla, un’affilata forbice in metallo ed un borsellino femminile di colore lilla con all’interno due banconote da 10 pounds di nuova fattura come quelle che di cui era stato denunciato il furto. La refurtiva recuperata e riconosciuta dalla vittima è stata restituita alla turista e il 49enne è stato arrestato per il reato di furto aggravato e, su disposizione della Procura della Repubblica di Messina, trattenuto presso le camere di sicurezza in attesa del giudizio di convalida davanti al giudice del Tribunale di Messina. Al termine dell’udienza, dopo la convalida dell’arresto, all’uomo è stata applicata la misura cautelare della custodia cautelare in carcere ed è stato condotto nella casa circondariale di Messina Gazzi.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.