Domenica 19 Settembre 2021
Precipitata la situazione negli ultimi giorni: superata la soglia settimanale di contagi


Covid, Santa Teresa chiede la zona rossa: "Atteggiamento irresponsabile, abbiamo fallito"

di Redazione | 14/05/2021 | CRONACA

2685 Lettori unici

Coda alle 19.25 davanti un'attività sulla Ss 114

È precipitata nelle ultime ore la situazione sanitaria a Santa Teresa di Riva. Il sindaco Danilo Lo Giudice ha comunicato alle 19.30 di questa sera, nel corso di una diretta Facebook, che gli attuali positivi in paese sono saliti a 54, di cui 16 solo oggi e 35 nell’ultima settimana, e ciò lo ha portato ad inviare al presidente della Regione la richiesta di istituire la zona rossa sul territorio comunale, dopo il parere favorevole ricevuto dall’Asp che ha attestato il superamento della soglia di 250 casi ogni 100.000 abitanti. “Avevo cercato di prevenire questa situazione, tramite vari appelli alla cittadinanza, dispiace ma purtroppo l’irresponsabilità ha portato a questa situazione - ha detto Lo Giudice - abbiamo fallito miseramente, c’è stato un atteggiamento irresponsabile, potevamo evitare tutto questo e avevo avvertito la popolazione già la settimana scorsa, quando avevamo solo 8 casi e avevamo chiuso le scuole per prevenire la diffusione del contagio. Ognuno si deve assumere le responsabilità, inutile ripetere che non ci sono stati controlli". Nonostante la situazione e l'ordinanza di oggi che ha disposto la chiusura delle piazze e il divieto di stazionamento, su lungomare e Statale 114 continuano gli assembramenti e gli stazionamenti, anche davanti le attività. Secondo il sindaco, Musumeci potrebbe firmare l'ordinanza già questa sera per istituire la zona rossa a Santa Teresa fino al 26 maggio. Qualora il provvedimento venisse emanato già oggi, ne daremo notizia nelle prossime ore.

Più informazioni: zona rossa santa teresa  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.