Lunedì 06 Aprile 2020
Nel mirino della Guardia Costiera imbarcazioni fuori regola e occupazioni abusive


Controlli in mare tra Taormina e Giardini, sanzioni per 5mila euro

25/08/2015 | CRONACA

1453 Lettori unici

Nell’ambito dell’operazione “Mare Sicuro 2015”, promossa dal Comando generale del Corpo delle Capitanerie di porto, continua l’attività di monitoraggio da parte della Capitaneria di Porto- Autorità Marittima dello Stretto di Messina, che nei giorni 22 e 23 agosto, insieme al personale della Direzione marittima di Catania, del Circondario marittimo di Riposto e dell’Ufficio Locale marittimo di Giardini Naxos, ha condotto un’intensa attività di vigilanza volta a garantire la sicurezza della navigazione e della balneazione. Le operazioni hanno interessato l’intero litorale del compartimento messinese ed in particolare, nella giornate di sabato e domenica, i tratti di mare antistanti l’Isola Bella e l’intera fascia di Giardini Naxos, nella zona di Recanati. A tale scopo sono stati impiegati sia mezzi navali che unità terrestri. Nell’occasione, gli uomini della Guardia Costiera hanno provveduto ad elevare sanzioni amministrative, per un totale di circa 5mila 500 euro, su unità prive delle dotazioni di sicurezza o con a bordo persone imbarcate superiori alla capacità certificata del mezzo, o che sostavano o navigavano in zone escluse alla navigazione. Comportamenti, dunque, che rappresentano un concreto pericolo per la vita umana in mare e per l’ambiente marino-costiero. È stata inoltre eseguita un’attenta attività volta alla tutela del Demanio marittimo, che ha permesso di rilevare violazioni di varia natura, ripristinando l’uso legittimo della spiaggia. Di notevole interesse è infine l’attività di soccorso svolta dai mezzi navali di questi uffici che nel solo mese di agosto hanno condotto 11 soccorsi in mare di cui 3 nella giornata di ieri.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.