Mercoledì 27 Maggio 2020
I tre di S. Teresa erano imputati nel processo per associazione a delinquere


Calcio scommesse, a Cremona assolti Spadaro, Rinci e Intilisano

di Andrea Rifatto | 26/03/2019 | CRONACA

1897 Lettori unici

Cosimo Rinci con il suo legale Antonio Scarcella

Sono stati assolti i tre imputati di S. Teresa di Riva a processo a Cremona per la vicenda calcio scommesse, nata dall’inchiesta della Polizia che nel dicembre 2013 scosse il mondo del pallone portando a diversi arresti. Salvatore Spadaro, 69 anni, Cosimo Rinci detto Charlie, 63 anni, all’epoca dei fatti team manager del Riccione e Salvatore Antonio Intilisano, 50 anni, ex dirigente del Pergocrema, erano accusati di associazione a delinquere finalizzata alla truffa e alla frode sportiva per 53 partite di Serie A, B e Lega Pro ritenute truccate. Per tutti e tre il collegio composto dal presidente Maria Stella Leone e dai giudici a latere Giulia Masci ed Elisa Mombelli ha emesso oggi, dopo una camera di consiglio durata circa un'ora, sentenza di assoluzione, come chiesto nell'ultima udienza dai pubblici ministeri Ilaria Prette e Milda Milli della Procura di Cremona e dai legali difensori dei tre, gli avvocati Alessandro Billè per Spadaro, Antonio Scarcella per Rinci e Felice Di Bartolo per Intilisano. Non vi è stata, dunque, alcuna associazione a delinquere. Assolto con formula piena anche Marco Paoloni, l’ex portiere di Cremonese e Benevento accusato di frode sportiva e lesioni per aver ‘drogato’ i suoi ex compagni di squadra versando l'ansiolitico Minias nelle bottiglie dell'acqua minerale, durante l'intervallo della partita Cremonese-Paganese di Lega Pro del 14 novembre 2010 a Cremona, per stordirli affinchè vincesse la squadra avversaria. Per tutti gli altri imputati del "blocco" rimasto a Cremona, i giudici hanno emesso sentenza di assoluzione o il non doversi procedere per intervenuta prescrizione.

Nell’aprile 2017 la maggior parte del procedimento è stata spostata a Bologna, mentre a processo a Cremona, oltre Paoloni, è rimasto il terzo gruppo accusato di associazione a delinquere. Tra gli imputati, il cinese Wang Yu Qiu, comproprietario di una lavanderia a Desio e accusato di essere il finanziatore dell’associazione e anche il serbo Almir Gegic, ex calciatore del Chiasso e considerato uno dei capi del gruppo degli ‘zingari’. Rinci e Spadaro vennero arrestati il 17 dicembre 2013 e poi scarcerati qualche settimana dopo. A processo era finito anche Ermanno Pieroni, ex presidente dell’Ancona Calcio, assolto nel maggio 2016: nell’inchiesta era stato chiamato in causa in particolare per i suoi rapporti con Rinci, Spadaro, Intilisano, Fabio Bruno Quadri, Wangyi Qiu, Simone Grillo, perché secondo l’accusa, insieme a loro avrebbe costituito l’organizzazione per pilotare i risultati. Gli inquirenti ritenevano come Rinci, sfruttando la sua introduzione negli ambienti calcistici e in particolare appoggiandosi a Pieroni, informasse preventivamente Spadaro dei risultati che avrebbero avuto partite di calcio dei campionati di serie A, B e C del 2013, a seguito di corruzione, da loro stessi favorita, o di accordi tra le squadre, e lo Spadaro a sua volta informava il Quadri che procedeva alle relative scommesse a seguito di finanziamento di Qiu Wangyi, provvedendo poi, tutti, alla ripartizione tra loro dei proventi. Accuse che per i giudici di primo grado non stavano in piedi.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.