Domenica 05 Febbraio 2023
Increscioso episodio che ha turbato la comunità, profondamente legata a quel sito


Antillo, si scaglia contro un’icona e distrugge la statua della Madonna: denunciato dai Cc

di Andrea Rifatto | 16/11/2022 | CRONACA

2177 Lettori unici

L'edicola votiva dopo il danneggiamento

Si è reso protagonista di un episodio increscioso che ha profondamente turbato la comunità, rimasta incredula dinanzi all’accaduto, ma è stato prontamente individuato. È infatti scattata una denuncia per danneggiamento nei confronti di un cittadino di Antillo, che nei giorni scorsi si è scagliato contro un bene privato, ma considerato da tutta la cittadinanza come collettivo, con un riprovevole gesto sacrilego. L’uomo, un 36enne, ha infatti preso di mira una piccola edicola votiva situata in via Palermo, colpendola ripetutamente utilizzando una mazzetta da muratore, danneggiandola profondamente visto che dopo aver divelto lo sportello si è accanito sulla statuetta contenuta all’interno raffigurante la Madonna dell’Assunta, distruggendola, e ha divelto anche una croce posizionata sopra l’icona. Un gesto inconsulto scaturito da futili motivi, visto che a scatenare le ire dell’antillese sarebbe stata la presenza di alcuni paletti in legno posti intorno all’edicola sacra, a quanto pare prelevati da un terreno di sua proprietà posto non lontano dalla piccola struttura sacra. L’accaduto è stato immediatamente segnalato ai carabinieri della Stazione di Antillo, che sotto le direttive del luogotenente Paolino Fragale hanno ricostruito i fatti nel giro di poco tempo e identificato l’uomo, notato da alcuni testimoni mentre compiva il gesto, denunciandolo a piede libero alla Procura della Repubblica. L’edicola votiva è stata realizzata nel 1961 dalla signora Carmela Bongiorno, dopo la morte di una figlia in tenera età, e rappresenta un simbolo per gli antillesi, tanto che anche la processione effettua lì davanti una sosta durante il suo passaggio. Un fatto che ha toccato la comunità, concorde che qualsiasi fosse il motivo nulla può giustificare una tale azione.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.