Giovedì 01 Dicembre 2022
Messa con i rappresentanti della Compagnia di Taormina e gli amministratori della zona


"Virgo Fidelis", celebrata a Santa Teresa di Riva la patrona dell'Arma dei Carabinieri

di Redazione | 22/11/2022 | ATTUALITÀ

1045 Lettori unici

Autorità militari e civili presenti alla funzione

Celebrata ieri sera a Santa Teresa di Riva la Virgo Fidelis, patrona dell’Arma dei Carabinieri festeggiata il 21 novembre di ogni anno nell'anniversario della Battaglia di Culqualber del 1941. La ricorrenza è stata commemorata su iniziativa della Compagnia di Taormina guidata dal capitano Giovanni Riacà e della locale Sezione dell’Associazione Nazionale Carabinieri "Sottotenente Giovanni Cavallaro", presieduta da Francesco Musicò, con una santa messa nella chiesa Madonna di Portosalvo officiata da padre Agostino Giacalone. Presenti autorità civili e militari, sindaci e amministratori del territorio di competenza della Compagnia taorminese, da Roccella Valdemone a Furci Siculo (presente anche il primo cittadino di Scaletta Zanclea), i carabinieri della Compagnia di Taormina e i comandanti delle Stazioni dei Carabinieri con i loro sottoposti, il vicequestore Maurizio Lento, dirigente del Commissariato di Polizia di Taormina, il comandante della Guardia di Finanza di Taormina, capitano Francesco Borbone, il giudice Agostino Cisca, il comandante della Polizia locale di Santa Teresa Diego Mangiò con rappresentanti del Corpo e di altri comuni, i volontari della Protezione civile di Furci Siculo e della Croce Rossa Italiana di Roccalumera-Taormina, l’Associazione Nazionale Carabinieri con le sezioni di Taormina, Gaggi e Scaletta Zanclea. 

Al termine della celebrazione, il comandante della Stazione Carabinieri di Santa Teresa, il luogotenente Maurizio La Monica, ha letto la Preghiera del Carabiniere, mentre il capitano Riacà ha ricordato le origini della ricorrenza della Virgo Fidelis, rievocando l’81° Anniversario del fatto d’arme di Culqualber, in Africa Orientale, dove il 21 novembre 1941 un intero Battaglione di Carabinieri si sacrificò nella strenua difesa di un caposaldo, protrattasi per tre mesi. Per quell’epica resistenza, alla Bandiera dell’Arma dei Carabinieri fu conferita la seconda Medaglia d’Oro al Valor Militare, dopo quella ottenuta in occasione della partecipazione alla Prima Guerra Mondiale. Ieri, inoltre, l’Arma ha celebrato anche la Giornata dell’Orfano, che rappresenta, per i Carabinieri e per l’Opera Nazionale di Assistenza per gli Orfani dei Militari dell’Arma dei Carabinieri un’occasione di concreta vicinanza alle famiglie dei colleghi caduti. Nel corso della cerimonia ricordati anche gli appartenenti all’Arma caduti in servizio (presenti i familiari di Giovanni Cavallaro, morto nella strage di Nassiriya e Massimiliano Pugliatti, scomparso prematuramente). Il sindaco di Santa Teresa, Danilo Lo Giudice, ha sottolineato l’importanza di questo momento di condivisione e la leale collaborazione tra le istituzioni.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.