Lunedì 15 Aprile 2024
Sabato manifestazione contro i lavori che vanno a rilento e i disagi per le popolazioni


"Viabilità Ss 114, diritto negato": il Pd promuove una protesta per il ponte Nisi chiuso

di Redazione | 06/09/2023 | ATTUALITÀ

624 Lettori unici

La conclusione era prevista a gennaio 2023

“Scendiamo in piazza per far valere le nostre ragioni”. È lo slogan lanciato dal Circolo del Partito democratico di Nizza di Sicilia, che ha organizzato una manifestazione di protesta per lo stato dei lavori del cantiere per la ricostruzione del ponte Fiumedinisi sulla Statale 114, tra Nizza e Alì Terme. L’iniziativa è organizzata anche dal Coordinamento provinciale Pd di Messina e dagli amministratori dem del territorio compreso tra Scaletta e Roccalumera e si svolgerà sabato 9 settembre, alle ore 11, sulla passerella lato Nizza di Sicilia che conduce al ponte. “Da più di un anno sono iniziati i lavori e il viadotto è chiuso ormai da anni con il traffico della Statale 114 dirottato sul lungomare su una bretella che attraversa il torrente. Ricordano gli organizzatori - e per l'intervento sono stati stanziati circa 8 milioni di euro con l’appalto aggiudicato alla ditta “Sposato Costruzioni” di Acri (Cosenza). L’iniziativa di protesta tende innanzitutto a dare voce al disagio che stanno vivendo i cittadini dei comuni interessati dai lavori, con particolare riferimento ai commercianti che hanno le loro attività nelle vicinanze del cantiere, ma anche degli automobilisti che transitano lungo la Statale. I lavori procedono molto a rilento - sottolinea il Pd -  quando invece la velocità di realizzazione dovrebbe essere una priorità assoluta, al fine di sbloccare celermente un’arteria di fondamentale importanza per il collegamento dei vari comuni jonici”.

Secondo il Pd l’iniziativa di protesta è di grande attualità poiché il cantiere per la realizzazione del ponte sul torrente Fiumedinisi si sovrappone ai lavori per il raddoppio ferroviario che a breve entreranno a pieno regime: “Tutti i mezzi di cantiere, oltre al normale traffico veicolare, transitano sulla bretella precaria che ha dimensioni contenute e raggi di curvatura minimi, determinando così una strozzatura lungo la Ss 114 oltre che una situazione di pericolo nel caso di piogge di grande intensità che, come avvenuto in passato, tendono ad ingrossare il torrente rendendo impraticabile l’infrastruttura”. Con questa iniziativa il Partito democratico intende supportare i cittadini dei comuni della Valle del Nisi e dei centri limitrofi, dando ulteriore risalto alle iniziative fin ora intraprese dai sindaci: Chiediamo al contempo la convocazione, con urgenza, di un tavolo di confronto con i vertici Anas e con i responsabili del cantiere, oltre che con i soggetti istituzionali e i portatori di interesse (associazioni, rappresentanti dei commercianti, forze politiche, ecc.) affinché si conoscano e possano rimuovere le cause che stanno determinando un così lento procedere delle attività di cantiere e un danno considerevole per le comunità insediate oltre che una condizione di pericolo per la pubblica incolumità”.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.