Domenica 28 Febbraio 2021
Il sindaco metropolitano punta ad un altro finanziamento per completare l'edificio


Via ai lavori per il Liceo Scientifico a S. Teresa, De Luca: "Porteremo anche il Classico"

di Andrea Rifatto | 29/09/2020 | ATTUALITÀ

833 Lettori unici

I sindaci con i tecnici e l'impresa

Una giornata di festa, con tanto di “pacco sorpresa” e un piccolo fuori programma. A Santa Teresa è stato aperto ieri mattina nel quartiere Bucalo, tra le vie Fiorentino e Padre Giampietro, il cantiere per la costruzione del nuovo Liceo Scientifico, atteso da decenni per offrire una struttura all’avanguardia e superare le carenze di spazi del vecchio edificio di piazza Municipio, nato come Liceo Classico. I lavori sono stati finanziati nel 2017 dal Ministero dell’Istruzione con 6,3 milioni di euro assegnati alla Città metropolitana e ieri è giunto a dare il via alle opere il sindaco metropolitano Cateno De Luca, che ha seguito l’iter anche da primo cittadino di Santa Teresa nel periodo 2012-2017. “Momenti come questo sono i più belli per chi amministra – ha detto De Luca - dopo aver risanato finanziariamente la Città metropolitana si raccolgono i frutti con l’apertura di numerosi cantieri. Dopo 20 anni di annunci e passerelle si è finalmente rotto l’incantesimo per realizzare questa opera, la più importante dopo lo svincolo autostradale di Santa Teresa”. Ad eseguire le opere è l’impresa “Urania Costruzioni” di Messina, presente con il titolare l’ingegnere Giuseppe Travia, per l’importo di 3 milioni 527mila 144 euro: il progetto del primo stralcio, redatto dall’architetto Domenico Calarco e dai geometri Giuseppe Palella, Fortunato Chiesini e Giovanni Martino della Città metropolitana, prevede un edificio a tre piani, su tre corpi, con 14 aule didattiche, 9 aule speciali, 4 laboratori, aula magna, biblioteca, presidenza, segreteria, sala docenti, zona ristoro, archivio, servizi igienici ai vari livelli e locali antincendio, mentre l’area esterna da 2.500 metri quadrati sarà destinata a parcheggi, attività sportive all'aperto e verde attrezzato. 

 

I lavori dovranno concludersi entro 18 mesi ma De Luca ha annunciato una sorpresa: la Città metropolitana sta per presentare un’istanza di finanziamento per circa 4 milioni per il secondo stralcio di completamento della struttura (da progetto metà del secondo piano del corpo C rimarrà rustico) e realizzare una palestra: “Ci giocheremo questa carta, ciò potrà allungare di un anno (fino a 24 mesi) la consegna dei lavori - ha specificato - ma è meglio avere un’opera completa in grado di accogliere anche gli studenti del Liceo Classico”. Alla cerimonia presente anche il sindaco di Santa Teresa, Danilo Lo Giudice: “Un’opera strategica per tutta la zona jonica, un percorso lungo e tortuoso iniziato grazie all’allora consigliere provinciale Pippo Lombardo e giunto adesso all’avvio di lavori - ha detto - questa zona di Bucalo è destinata a cambiare volto e con il nuovo stadio, la palestra comunale che verrà ammodernata e il liceo contiamo di riqualificare tutto il quartiere. Spero entro la fine del mio mandato di consegnare l’opera”. Soddisfatta anche la dirigente del “Caminiti-Trimarchi”, Carmela Maria Lipari, che da anni deve fare i conti con spazi ristretti. A “rovinare la festa” una delle proprietarie dei terreni espropriati,  Lucia Rigano, sui quali sorgerà l’edificio scolastico e che si estendono su una superficie complessiva di 8.650 mq, pagati 725mila euro: “Non abbiamo visto un euro, quando pagherà il Miur?” ha chiesto a De Luca: “Entro 30 giorni avremo l’acconto e nei successivi 15 vi gireremo le somme” l’immediata risposta del sindaco metropolitano. A dirigere i lavori saranno l'architetto Domenico Calarco, l'ingegnere Gaetano Antonazzo e i geometri Giuseppe Palella e Antonino De Luca.

Più informazioni: nuovo liceo santa teresa  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.