Sabato 27 Novembre 2021
Il sindacato ha proposto una soluzione, l'Amministrazione valuta adesso come agire


Vertenza Sicobit, confronto a Savoca tra Cgil e Comune. Il Tar riapre lo stabilimento

di Andrea Rifatto | 24/06/2021 | ATTUALITÀ

956 Lettori unici

Sindacalisti e lavoratori all'uscita dal municipio

Un’ora e mezza di confronto martedì pomeriggio in municipio a Savoca sulla vertenza Sicobit, l’impresa che lavora conglomerati bituminosi all’interno dello stabilimento di contrada Mandrazzi e che il 10 giugno si è vista negare dalla Città metropolitana la richiesta di unificazione e concentrazione nell'Autorizzazione unica ambientale delle autorizzazioni già esistenti, con l’obbligo a non svolgere attività lavorativa e quindi tenere fermi i 26 addetti. L’Amministrazione comunale, che il 27 maggio non ha riconosciuto la compatibilità urbanistica dell’area dove sorge lo stabilimento (in quanto a destinazione agricola e non industriale) con un provvedimento preso come unico presupposto dall’ex Provincia per il rigetto dell’Aua, ha accettato il dialogo con la Cgil, rappresentata dal segretario provinciale Giovanni Mastroeni e dai sindacalisti Mario Mancini (Fillea) e Andrea Miano (Filcams), ricevendo anche una delegazione di sei lavoratori: ad accoglierli il sindaco Massimo Stracuzzi, il vicesindaco Carmela Miuccio, l’assessore Pippo Trimarchi, la presidente del Consiglio Marica Piazza e la segretaria comunale Filippa Noto. La vicenda è stata analizzata su più aspetti, facendo riferimento anche a quanto accaduto in passato quando erano già sorti problemi, e le parti si sono lasciate con l’auspicio di poter riprendere al più presto il dialogo: “Abbiamo chiesto che si proceda così come fatto nel 2009 - ci ha spiegato al termine dell’incontro il segretario Mastroeni - quando il Comune, nelle more di una definizione della problematica, ha rilasciato un nulla osta a titolo provvisorio e temporaneo per consentire le attività produttive. Noi come Cgil ci impegniamo ad aprire un tavolo alla Città metropolitana con tutti i soggetti coinvolti, impresa, parti sociali, Comune, Regione e Ance, per chiarire una volta per tutte la questione”. Per Mancini “la garanzia occupazionale è il primo obiettivo e puntiamo intanto a consentire la riapertura dello stabilimento, poi fissiamo dei tempi per sederci intorno ad un tavolo: i presupposti riteniamo ci siano, adesso attendiamo una risposta in tempi celeri”. Il sindaco Stracuzzi ha evidenziato come ci sia “massima disponibilità verso i sindacati e i lavoratori, anche a noi preme salvaguardare i posti di lavoro. Dovrò studiare attentamente tutta la vicenda, mi confronterò con il segretario e il legale dell’Ente per capire come procedere, anche se non è facile - ammette - ma abbiamo assunto un impegno e sicuramente non prenderò nessuno in giro”. 

Intanto la Sicobit ha deciso di tutelarsi sotto il profilo giudiziario e ha presentato ricorso al Tar di Catania contro la Città metropolitana di Messina, il Comune di Savoca, l’Assessorato regionale Territorio e Ambiente e il Dipartimento regionale-Autorità di Bacino del Distretto idrografico, per ottenere l’annullamento (previa sospensione dell’efficacia) dei due provvedimenti contestati emanati da Città metropolitana e Comune” e di ogni ulteriore atto e/o provvedimento antecedente o successivo comunque presupposto connesso o consequenziale, compresa ove occorra la determinazione assunta dalla Conferenza dei servizi nella seduta del 16 dicembre 2020 di interrompere i termini procedurali”. Il presidente della Terza Sezione ha stabilito che “sussiste il pregiudizio richiesto” e ha accolto la domanda di misura cautelare provvisoria, consentendo quindi la ripresa delle attività dello stabilimento, fissando per l’8 luglio l’udienza per la trattazione collegiale in camera di consiglio. La società è difesa dagli avvocati Andrea Scuderi e Giuseppe Sciuto, mentre gli altri enti chiamati in causa non si sono finora costituiti in giudizio.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.