Martedì 24 Novembre 2020
Ideato dal palermitano Giuseppe Bavari, verrà installato in una scuola di Catania


Un sensore sismico per la sicurezza dei bambini

di Redazione | 08/10/2014 | ATTUALITÀ

3226 Lettori unici | Commenti 2

La scuola "Maddalena di Canossa". A destra il sensore sismico

Un avvisatore di terremoto di eccezionale sensibilità verrà installato presso la Scuola dell'Infanzia e Primaria Paritaria “Maddalena di Canossa” di Catania. Si tratta di un sensore sismico a soglia differenziata brevettato dall'inventore palermitano Giuseppe Bavari, che lo ha donato alla scuola etnea in memoria della maestra Pina Greco, deceduta prematuramente il 10 ottobre dello scorso anno dopo aver insegnato per trent'anni nell'istituto scolastico di via Passo Gravina ed aver sempre mostrato particolare attenzione alla sicurezza degli alunni. Proprio in occasione del 1° anniversario della sua scomparsa, l'istituto scolastico ha voluto ricordarla programmando la cerimonia di installazione del rilevatore sismico. L'iniziativa rientra nel progetto "Sicuri... in una scuola sicura", programmato per l'intero anno scolastico 2014/2015.

Il sensore sismico realizzato da Giuseppe Bavari è stato ufficialmente riconosciuto dopo lunghi studi teorici e rigorose sperimentazione. É in grado di avvertire istantaneamente l'arrivo di un terremoto e può quindi rivelarsi determinante per la sicurezza dei bambini, considerando che in situazioni simili ogni secondo è prezioso per avviare le procedure di evacuazione. A spingere il signor Bavari a dedicarsi allo studio e alla sperimentazione dell'apparecchiatura è stato il tragico evento sismico di S. Giuliano di Puglia del 31 ottobre 2002, che costò la vita a ventisette bambini ed a un’insegnante, rimasti sotto le macerie della scuola crollata.

Grazie alla sua eccezionale sensibilità, esclusivamente collegata all’accelerazione sismica (e quindi con totale assenza di false attivazioni), oltre che alla semplicità d’istallazione, il rilevatore può essere collocato nelle aule scolastiche, nelle strutture di accoglienza, negli uffici, nei luoghi di lavoro e di riunione. Con un avvisatore ottico e acustico, il presidio permette alle persone presenti di sapere con certezza di essere esposte agli effetti di un sisma, inducendole a raggiungere la posizione più sicura per proteggersi da eventuali crolli anche parziali, esplosione di vetrate, ribaltamento di mobili, caduta di oggetti. La presenza del sensore sismico in un qualsiasi luogo e la conoscenza elementare della sua attivazione, rappresenta un fattore di percezione progressiva, sia pure in quei pochi attimi che si rivelano preziosi per controllare il panico e far prevalere l’istinto della salvezza. Nelle scuole ed in tutti quei luoghi in cui sono presenti persone particolarmente esposte al rischio, sarà chiaramente opportuno promuovere anche ogni adeguata iniziativa di conoscenza e di esercizio, valorizzando ulteriormente l’azione didattica della protezione civile. Ma tutti sapranno che nell’istante in cui il sensore si attiva si sta verificando un terremoto.

Più informazioni: giuseppe bavari  sensore sismico a soglia differenziata  


COMMENTI

Poppo Sturiale | il 10/10/2014 alle 08:17:44

http://www.regione.sicilia.it/presidenza/protezionecivile/comitatoregionale/argomenti/prociv_pianificazione/pdf/scheda_Bavari_website.pdf Si dice che viene prodotto per poche decine di euro, se viene fornito sotto i cento euro è cosa buona ... se invece si specula e si parla di qualche migliaio di euro ... allora è un altro discorso !

maurizio zadra | il 22/03/2016 alle 16:03:33

Vorrei essere contattato dall'inventore Giuseppe Bavari per approfondimenti ed aggiornamenti. razie. Ing. Maurizio Zadra

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.