Martedì 02 Marzo 2021
Presentato da Provincia e Università di Messina insieme a nove comuni e associazioni


Turismo religioso lungo i Peloritani, finanziato il progetto “Gratia plena”

28/07/2015 | ATTUALITÀ

2127 Lettori unici

Il Santuario della Madonna dell'Aiuto di Roccafiorita

L’assessorato regionale del Turismo ha finanziato con 138mila euro il progetto “Gratia plena”, presentato dal Messina Tourism Bureau–Consorzio Centro per lo Sviluppo del Turismo Culturale per la Sicilia, quale capogruppo di un raggruppamento misto pubblico/privato che vede, tra i propri componenti la Provincia regionale, l’Università di Messina, i Comuni di Messina, Taormina, Castelmola, Mongiuffi Melia, Antillo, Roccafiorita, Monforte San Giorgio, Santa Lucia del Mela e Castroreale, le Associazioni Aura e Bios, oltre alla partnership di numerosi operatori turistici e della stessa Arcidiocesi di Messina, Lipari e Santa Lucia del Mela. Messina Tourism Bureau è un consorzio interamente partecipato dalla Provincia Regionale di Messina e dall’Università degli Studi del capoluogo peloritano. Il finanziamento rientra tra i tredici progetti ammessi ai fondi sull’avviso pubblico “Culto e Cultura - Progettazione e realizzazione di itinerari per la valorizzazione del turismo religioso”, in cui “Gratia plena” è stato ammesso con il punteggio di 92 su 100, proposto dal Messina Tourism Bureau. “Si tratta di un riconoscimento importante - commenta il presidente del Messina Tourism Bureau, Gaetano Majolino – perché premia la capacità di iniziativa, programmazione e collaborazione che questa rete di qualificati soggetti, pubblici e privati, appartenenti a vario titolo alla filiera del turismo religioso, ha saputo esprimere. Oltre tutto fa seguito al recente finanziamento del progetto ‘I cinque colori’ che abbiamo presentato lo scorso anno e che riguardava la promozione del turismo naturalistico. Sono convinto – ha aggiunto - che il lavoro, la competenza e la capacità di cooperare possano creare un valore aggiunto e rappresentare la chiave di volta per un percorso virtuoso di sviluppo locale, con evidente sinergie tra ambiti tematici differenti”. Il progetto “Gratia Plena”, il cui nome richiama Maria ed anche la terra e la comunità di intervento, trae spunto dal desiderio di mettere in rete, anche in chiave turistica, la manifestazioni e forme di devozione mariana presenti nell’ambito dell’Arcidiocesi di Messina, Lipari e Santa Lucia del Mela e si propone di valorizzare la "rete" dei Santuari Mariani, presenti uniformemente su tutta la Diocesi; proporre il culto di Maria come chiave di lettura del territorio, e come carattere forte che informa l'identità stessa della comunità a partire dal legame di elezione sorto con le celebre lettera della Madre di Cristo ai Messinesi; promuovere le principali manifestazioni di devozione a Maria e più rilevanti siti ed opere di interesse storico artistico legati al suo culto; accrescere la capacità degli operatori, pubblici e privati, laici e religiosi, imprenditoriali e culturali di cooperare e fare sistema, superando la frammentazione e la logica individualista; coniugare diversi palinsesti dell'offerta turistica locale, con particolare riferimento, accanto al turismo religioso, ai segmenti naturalistico, culturale, sportivo.
Sono preziosi partner esterni e patrocinatori del progetto l'Arcidiocesi di Messina, Lipari e Santa Lucia del Mela e la Basilica-Santuario del Sacro Cuore di Gesù e di S. Antonio, che collaboreranno nelle attività di fruizione delle opere e dei siti storici, artistici e monumentali nella sua disponibilità, di promozione e di valorizzazione delle manifestazioni e delle tradizioni devozionali e del patrimonio culturale. Sono infine state stipulate intese operative e di partnership esterna con numerosi operatori della filiera turistica come imprese ricettive, di ristorazione e tour operator.

Più informazioni: turismo religioso  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.