Giovedì 02 Aprile 2020
Inserita nel progetto Vie Sacre di Sicilia insieme all’Isola Lachea di Aci Trezza


Turismo religioso, Isola Bella nell’itinerario “La greenway verso Madonna della Rocca”

23/11/2016 | ATTUALITÀ

1114 Lettori unici

La riserva naturale Isola Bella

La Riserva naturale orientata “Isola Bella” di Taormina è stata inserita nell’itinerario denominato “La greenway verso Madonna della Rocca”, percorso di turismo religioso che prevede la visita della Perla del Mediterraneo e successivamente del Santuario Madonna della Rocca, situato sul ripido monte che sovrasta il centro turistico. L’itinerario è stato presentato in occasione della terza edizione del meeting regionale su “Le vie Sacre in Sicilia”, che si è tenuto a Santo Stefano Quisquina, nell’Ennese. Anche il Centro di ricerca Cutgana dell’Università di Catania, gestore della Riserva, ha infatti aderito alla rete “Vie Sacre di Sicilia” nell’ambito del progetto di eccellenza “Culto e cultura: itinerari di turismo religioso”. A rappresentare il Centro di ricerca universitario erano presenti la responsabile del progetto ScuolAmbiente, Emilia Musumeci, e gli esperti Luciano Rapisarda e Mauro Contarino. All’iniziativa aderisce anche la Riserva “Isola Lachea e Faraglioni dei Ciclopi” di Aci Trezza gestita sempre dal Cutgana, inserita nell’itinerario “Sulle orme degli anacoreti sull’Isola Lachea”, grazie a cui i visitatori potranno ammirare, proprio sull’isolotto ciclopico, la particolare grotta che ha ospitato il Beato Rufino e l’Anacoreta Giovanni, eremiti cristiani del V e VII secolo. Un luogo meglio noto, non a caso, come la “Grotta dell’Eremita”.

Il progetto, promosso dall’Assessorato regionale Turismo, Sport e Spettacolo, ha lo scopo di sviluppare un efficiente sistema di accoglienza e di accesso dedicato al segmento del turismo religioso e di promuovere una rete regionale di itinerari culturali-religiosi finalizzati alla realizzazione di pacchetti turistici tematici al Cammino di Santiago de Compostela e alla Via Francigena. In questi ultimi anni, infatti, le esperienze personali di camminatori, di appassionati dei cammini, di comunità parrocchiali, di frati, di sacerdoti, di pellegrini di ritorno da Santiago e dalla Francigena hanno dato vita a percorsi tematici in diverse parti dell’isola. Esperienze aperte a tutti, dagli appassionati fino ai veterani, che permettono di riscoprire luoghi della Sicilia sconosciuti ai più dove natura, arte e tradizioni arricchiscono il percorso personale intrapreso lungo il cammino. Per prenotare la visita guidata basta contattare il Cutgana (095.6139260, visite.cutgana@unict.it).


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.