Martedì 20 Ottobre 2020
Appello di Federalberghi a rivedere le tariffe Imu e Tari per ridare ossigeno


Turismo in crisi, l'allarme a 20 sindaci jonici: "Riducete le tasse o non sopravviveremo"

17/10/2020 | ATTUALITÀ

485 Lettori unici

“Se non si abbassano le tasse non sopravviveremo e sarà a rischio la tenuta del tessuto produttivo del territorio, che in gran parte si fonda sul turismo”. È l’appello lanciato da Federalberghi Riviera Jonica Messina, che ha scritto una lettera ai 20 sindaci dei comuni compresi tra Letojanni e Itala chiedendo un immediato alleggerimento dei tributi. “La crisi economica derivata dal Covid-19 che ha investito e sta investendo le attività turistico-ricettive continua a rappresentare un pericolo reale per la sopravvivenza delle aziende stesse - esordisce nella missiva il presidente Pierpaolo Biondi - purtroppo i brevi periodi di apertura estivi, per le strutture che hanno potuto operare, non hanno sortito effetti economici positivi, se non, in alcuni casi, addirittura negativi. Abbiamo registrato un calo dell’80% su presenze e fatturati, superfluo aggiungere che le attività ricettive si trovano ad un livello critico, oltre ad essere il settore economico più gravemente colpito. Ad oggi, ed in base agli andamenti del mercato ed alle nostre analisi, si prevede che la stagione 2021 possa ripartire in maniera più lineare da giugno. Oltre alla tenuta delle imprese turistico-ricettive, ciò che desta maggior preoccupazione è la ricaduta sui posti di lavoro, che per la provincia di Messina con l’intero indotto rappresenta almeno 12.000 lavoratori. Nel caso della riviera jonica, svariate migliaia di famiglie e di cittadini basano la loro sussistenza sul comparto turistico-ricettivo, che include alberghi, campeggi, b&b, case vacanze e tutto il comparto extra-alberghiero. Riteniamo che è prioritario evitare la chiusura od il rischio di mancata apertura delle attività ricettive - sottolinea Federalberghi - rischio che può derivare dal concreto pericolo di indebitamento eccessivo delle aziende, che si troverebbero senza la liquidità necessaria per operare. A sostegno di questo è intervenuto il Governo nazionale con l’esenzione per tutto il 2020 dell’Imu. A seguito dell’ultima riunione di urgenza convocata da Federalberghi Riviera Jonica Messina, in maniera condivisa anche con Federalberghi Taormina, è emersa la difficoltà nel far fronte ad i tributi locali per l’anno 2020. Nel caso specifico della Tari (tassa rifiuti), molti comuni siciliani, come Palermo che ha applicato un abbattimento del 70% per le attività turistico-ricettive, hanno e stanno applicando forti sgravi”. 

Federalberghi Riviera Jonica Messina fa riferimento ai fondi perequativi che rappresentano, seppur parzialmente, un ristoro per le necessità economiche comunali e pone all’attenzione dei sindaci e delle amministrazioni comunali la necessità di agire in maniera tempestiva e significativa sui tributi locali: “Nel caso della Tari va inoltre segnalato che molte attività non hanno avuto la possibilità di aprire, quindi di fatto non hanno prodotto rifiuti - ricorda Biondi - e vi chiediamo in maniera più incisiva di ascoltare le nostre istanze, derivanti da una chiara presa di coscienza del reale stato di salute delle nostre aziende”. Secondo l’associazione degli albergatori ciò che può dare una possibilità di sopravvivenza alle aziende oggi è l’alleggerimento dei tributi nazionali e locali, condizione in parte possibile grazie ad i fondi di ristoro destinati ad i comuni: “Chiediamo ai sindaci un intervento sostanziale dal punto di vista della tassazione locale, nello specifico l’abbattimento della Tari del 70% per le attività che non hanno aperto nel 2020, l’adeguamento della Tari al reale periodo di apertura per le attività che hanno svolto un esercizio ridotto e la non applicazione delle quote comunali oltre la quota nazionale dell’Imu del 7,60%”. È una situazione straordinaria ed imprevedibile, l’appello della nostra categoria produttiva non vuole essere un mero allarmismo, ma, vista la forte crisi di liquidità, una precisa richiesta finalizzata alla tenuta del tessuto produttivo - conclude Pierpaolo Biondi - siamo disponibili ad avviare una serie di incontri con le amministrazioni in modo da stabilire insieme delle soluzioni concordate ed efficaci. Inoltre sarebbe più che apprezzabile la sospensione fino a dicembre 2020 degli avvisi di pagamento tributi, facendo anche riferimento anche a quelli già emessi”. Federalberghi attende adesso una risposta dalle amministrazioni locali.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.