Giovedì 25 Luglio 2024
Studenti-attori vincitori della rassegna con lo spettacolo e la regia di Tino Caspanello


"Tindari TeatroGiovani", il Liceo Classico di Santa Teresa trionfa con "Apokàlupsis"

di Redazione | 21/05/2024 | ATTUALITÀ

752 Lettori unici

Gli studenti con la docente referente e il regista a Tindari

Prestigioso risultato ottenuto dall’Istituto superiore “Caminiti-Trimarchi” di Santa Teresa di Riva alla 21esima rassegna-concorso Tindari TeatroGiovani “Rosario Parasiliti”, organizzata dal Liceo “Vittorio Emanuele III” di Patti con il Comune, il Parco archeologico diffuso di Tindari e gli Assessorati regionali Beni culturali e Identità siciliana e Turismo. Gli studenti della I B (IV ginnasio)-Sezione teatrale del Liceo Classico, guidati dalla professoressa Raffaella Villari, hanno vinto l’edizione di quest’anno (sezione Senior) con la rappresentazione teatrale “Apokàlupsis”, con la regia curata dall’esperto esterno Tino Caspanello. La giuria ha assegnato il primo posto ex aequo anche all’Istituto “Lucio Piccolo” di Capo d’Orlando e il “Caminiti-Trimarchi” è stato premiato dalla giuria perchè “l’opera, essenziale, rigorosa ed elegante, ha portato in scena sentimenti eterni dell'animo umano, come la voglia di sognare e di dialogare, evidenziando la necessità di ripudiare ogni forma di guerra e violenza”. Caspanello ha ottenuto il Premio migliore regia, in quanto “la direzione accurata, nella sua apparente e voluta semplicità, ha saputo evidenziare in modo poetico ed emotivamente coinvolgente la disperazione dell'umanità davanti all'eterno flagello della guerra”. 

Gli studenti-attori del liceo santateresino hanno messo in luce l’irrazionalità del dolore e della violenza, hanno dato voce alla sofferenza di madri che non rivedranno più il volto dei propri figli. Il regista Caspanello ha ritenuto di far riflettere gli spettatori su un tema che purtroppo ancora oggi invade la nostra vita, non limitandosi alle parole di un solo autore e di una sola epoca, e ha scelto testi di autori come Jorge Luis Borges, Eschilo, Anton Arrufat e un dialogo tratto dal film “Apocalipse now” diretto da Francis Ford Coppola. Così è nato “Apokàlupsis”, una pièce teatrale che ha visto straordinari protagonisti gli allievi del liceo che si sono immedesimati nei vari personaggi, riuscendo ad emozionare il pubblico presente al Teatro antico di Tindari con monologhi, dialoghi, movimenti di scena e sonorità corali, cifra caratterizzante di uno spettacolo nato con l’obiettivo di far riflettere sulla debolezza dell’essere umano quando diventa vittima dell’arroganza e del pregiudizio. Orgogliosa la dirigente scolastica del “Caminiti-Trimarchi”, Manuela Raneri, per l’eccellente esordio della sezione teatrale del Liceo. E si guarda già al futuro, ai prossimi traguardi da poter superare, nella speranza che quello raccontato sia solo il primo di tanti altri successi.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.