Mercoledì 24 Luglio 2024
Approvato il nuovo progetto aggiornato. Amministrazione ed Rfi dialogano sull'intesa


Taormina, ok dal Consiglio alla variante al doppio binario in attesa del nuovo accordo

di Andrea Rifatto | 11/04/2024 | ATTUALITÀ

1701 Lettori unici

Il cantiere della nuova stazione Alcantara nella frazione Trappitello

Tutti d’accordo al nuovo progetto lievemente modificato, in attesa di conoscere i nuovi termini dell’accordo tra Comune e Rete Ferroviaria Italiana. A Taormina è arrivato il via libera all’unanimità dal Consiglio comunale alla variante al Piano regolatore generale per l’aggiornamento del progetto esecutivo del raddoppio ferroviario Giampilieri-Fiumefreddo, necessaria per le esigenze emerse durante l’esecuzione dei lavori. Un passaggio legato ad alcune modifiche progettuali nell’area della stazione Alcantara, nel territorio della frazione Trappitello, dove è stato necessario espropriare due particelle di terreno per consentire il passaggio di acquedotti e saie i cui percorsi sono stati deviati e interrati per garantire la continuità del flusso d’acqua. Una variante “leggera”, come evidenziato in aula dall’assessore all’Urbanistica, Antonio Lo Monaco, che dunque non ha portato l’Amministrazione a sollevare alcun rilievo inviando subito all’aula la delibera, evitando così che a convocare la seduta fosse un commissario ad acta. Il confronto tra Palazzo dei Giurati ed Rfi rimane però aperto, alla luce della revoca della convenzione del 2021 decisa dal Consiglio lo scorso dicembre, quando è stato stracciato l’accordo in merito al collegamento pedonale tra l’area di sosta “Madonnina”, dove è prevista l’uscita lato Catania della nuova stazione ferroviaria, e il parcheggio “Lumbi”. “Non dobbiamo metterci contro Rfi ma è necessario dialogare - ha detto dalla minoranza il consigliere Nunzio Corvaia - per le opere compensative era previsto un tavolo tecnico con la Regione, il sindaco ci aggiorni se dopo la revoca della delibera ci siano stati sviluppi”. 

Allo stesso modo il collega di maggioranza Luca Manuli, ritenendo che la strategia adottata nei mesi scorsi dal Consiglio, con la revoca della convenzione tra Comune ed Rfi, sia stata in quel momento la scelta migliore, ha evidenziato come sia però necessario un confronto con l’ente ferroviario: “Vorrei sapere cosa abbiamo ottenuto da quella scelta - ha detto rivolgendosi all’Amministrazione - e cose ne sarà dell’attuale stazione, considerata anche la valenza artistica dell’immobile, quando sarà operativa quella nuova”. Risposte che maggioranza e opposizione hanno chiesto al sindaco Cateno De Luca, intervenuto poco dopo: “Con la revoca della convenzione abbiamo evitato la devastazione - ha esordito il primo cittadino - ci sono già stati incontri ed entro luglio il Consiglio comunale potrà prendere atto di come siano cambiate le cose. Altro non posso aggiungere, perchè le soluzioni alle quali si sta lavorando stanno portando a modifiche tecniche, già valutate con esito positivo, e c’è stata la disponibilità da parte dell’interlocutore nel modificare quella che era una posizione balorda. La scelta forte condivisa da tutta l’aula - ha concluso De Luca - sta portando risultati”. 


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.