Martedì 07 Dicembre 2021
L'avvio era inizialmente previsto per il 10 maggio. Sotto controllo la qualità delle acque


Al via il 16 aprile la stagione balneare 2014 in Sicilia

di Andrea Rifatto | 11/04/2014 | ATTUALITÀ

2898 Lettori unici

Termine anticipato in occasione delle festività pasquali

La stagione balneare 2014 in Sicilia avrà inizio il prossimo 16 aprile per concludersi il 31 ottobre. Con un decreto firmato il 2 aprile scorso il dirigente generale del Dipartimento regionale per le Attività sanitarie e Osservatorio epidemiologico dell’assessorato della Salute, dott. Ignazio Tozzo, ha parzialmente modificato il precedente atto emanato il 7 marzo, che prevedeva l’inizio della stagione balneare per il 10 maggio con termine il 30 settembre. Modifiche anche in merito al campionamento delle acque di mare: il periodo inizialmente previsto, dal 10 aprile al 30 settembre 2014, viene integrato con un campionamento preliminare da effettuarsi entro l’11 aprile. I prelievi dovranno concludersi entro il 31 ottobre 2014. La decisione di anticipare l’avvio della stagione scaturisce dalla necessità di dovere garantire la balneabilità delle coste siciliane in occasione del ponte che attraversa il periodo pasquale, la festa della Liberazione e la festività dei lavoratori: richieste in tale direzione erano giunte infatti anche da parte degli operatori turistici dell’isola.

Con il decreto 334/2014, l’assessorato regionale della Salute aveva individuato, per la stagione balneare 2014, i tratti di mare e di costa classificati come "non adibiti alla balneazione", oltre che le zone vincolate a parco od oasi naturale e i punti di campionamento in revisione. Per la prossima stagione estiva la Regione ha classificato come "balneabili" i tratti di mare e di costa relativi ad ogni Provincia visibili attraverso il sito www.portaleacque.it del Ministero della Salute. I Laboratori di sanità pubblica delle Aziende sanitarie provinciali della Sicilia hanno l'obbligo di comunicare con la massima tempestività ai sindaci dei comuni rivieraschi i tratti di mare non balneabili individuati. Spetta ai sindaci infatti il compito adottare tutti i provvedimenti di competenza, compresa l'affissione dei cartelli indicanti il divieto della balneazione, in numero adeguato e posizionati in aree facilmente visibili. La comunicazione inviata dalle Aziende sanitarie ai Comuni contengono i motivi della non balneabilità, l'estensione del tratto di costa e le coordinate geografiche: indicazioni che permetteranno alle amministrazioni comunali di emettere le eventuali ordinanze di divieto di balneazione. I campionamenti verranno effettuati presso il punto di prelievo individuato all'interno di ciascuna area di balneazione dove si prevede il maggior afflusso di bagnanti. I Laboratori di sanità pubblica dovranno comunicare, con cadenza mensile, al Dipartimento regionale per le attività sanitarie ed osservatorio epidemiologico i risultati analitici dei punti campionati ed ogni eventuale comunicazione inerente anomalie che si dovessero riscontrare. Qualora nel corso della stagione balneare si dovessero verificare condizioni tali da comportare l'individuazione di tratti di mare da vietare temporaneamente alla balneazione, le Aziende sanitarie provinciali dovranno comunicare ai sindaci le coordinate delle zone da sottoporre a divieto.

Le zone di mare e di costa precluse alla balneazione per cause di inquinamento o altre motivazioni sono complessivamente 184, di cui sei vincolate a Parco od Oasi Naturale. Maglia nera alla provincia di Palermo, con ben 41 tratti non adibiti alla balneazione: seguono Siracusa (36), Catania (27), Messina (22), Caltanissetta (20), Agrigento (17). Chiude la provincia di Trapani, con otto zone di mare e di costa non accessibili ai bagnanti.
Nella riviera jonica messinese situazione sotto controllo, ad eccezione di due tratti di costa interdetti alla balneazione nel comune di Giardini Naxos: dalla foce del fiume Alcantara proseguendo per 150 metri verso nord e nell'area portuale per un tratto di 320 metri.

Tratti di mare e di costa non balneabili

Più informazioni: stagione balneare 2014 sicilia  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.