Lunedì 23 Maggio 2022
La Regione chiede indietro in totale 118mila euro assegnati oltre dieci anni fa


Spese mai rendicontate, revocati finanziamenti a Sant'Alessio, Savoca e Motta Camastra

di Andrea Rifatto | 20/09/2020 | ATTUALITÀ

1758 Lettori unici

Il municipio di Sant'Alessio

Due comuni della zona jonica e uno della valle dell’Alcantara si sono visti revocare contributi economici concessi oltre dieci anni fa dalla Regione siciliana per non aver rispettato la normativa in materia di rendicontazione delle spese ottenute. Il caso riguarda i centri di Sant’Alessio, Savoca e Motta Camastra, che dovranno restituire all’Assessorato delle Autonomie locali e della Funzione pubblica la somma complessiva di 118mila 047 euro, secondo quanto stabilito da un decreto firmato dal dirigente generale del Dipartimento delle Autonomie Locali e dai funzionari del Servizio 4-Trasferimenti regionali agli Enti locali per il finanziamento delle funzioni. I contributi erano stati assegnati ai tre Comuni, nella misura di 33mila 309 euro per SantAlessio, 38mila 745 euro per Savoca e 45mila 993 euro per Motta Camastra, con il decreto assessoriale 1939 del 23 giugno 2008, con il quale è stata determinata una quota di 12 milioni di euro destinata agli enti locali che versavano in particolari condizioni di disagio, sulla base di appositi progetti di risanamento o di sviluppo economico e sociale. Alcuni Comuni siciliani, però, tra cui i tre citati, in relazione al contributo erogato per lanno 2008 (a Sant’Alessio e Motta Camastra nel marzo 2012, a Savoca nel novembre 2010) non hanno fornito il rendiconto entro i 60 giorni dal termine del relativo esercizio finanziario prescritti dal Testo unico degli enti locali, che prevede come in caso di inadempimento il contributo deve essere restituito. Spetta infatti al segretario comunale e al responsabile del Servizio finanziario produrre la dimostrazione contabile della spesa e dimostrare i risultati ottenuti in termini di efficienza ed efficacia dell’intervento. Il termine di 60 giorni è perentorio e la sua inosservanza comporta l’obbligo di restituzione del contributo straordinario assegnato. Dunque la Regione ha proceduto a decretare la revoca delle somme concesse nel 2008 a SantAlessio, Savoca e Motta Camastra.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.