Giovedì 25 Febbraio 2021
Il sindaco di S. Teresa contesta le modalità di svolgimento di alcune attività


Servizi sociali, Lo Giudice attacca il Distretto D32: "Cambi passo oppure andiamo via"

di Andrea Rifatto | 06/01/2020 | ATTUALITÀ

1100 Lettori unici | Commenti 2

Il sindaco Danilo Lo Giudice

“O si cambia passo o siamo pronti a uscire e costituire un sub-Distretto”. Il sindaco di Santa Teresa di Riva, Danilo Lo Giudice, attacca il Distretto socio-sanitario D32 di Taormina e contesta le modalità di svolgimento di alcuni servizi per il territorio di riferimento, che comprende 24 comuni tra Roccella Valdemone e Santa Teresa, suddivisi in tre macroaree, per un totale di quasi 60.000 abitanti. “In questo ultimo anno mi sono reso conto che i servizi socio-assistenziali e sanitari nel nostro comprensorio hanno grosse criticità – ha esordito Lo Giudice – noi come Comune investiamo quasi 200mila euro l’anno per assistenza igienico-personale e autonomia e comunicazione per gli studenti disabili ma il Distretto D32, deputato a svolgere anche questi compiti, deve assumersi la responsabilità di non far perdere finanziamenti pubblici e di programmare le risorse in maniera seria e concreta dando risposte alle comunità, perché è questo che la gente ci chiede. Non è possibile assegnare le risorse per l’assistenza all’autonomia e comunicazione stabilendo le ore in funzione del numero dei plessi scolastici – ha proseguito il sindaco di Santa Teresa – perché le ore devono essere assegnate in base all’utenza, abbiamo il diritto e il dovere di aiutare chi sta peggio di noi e nessuno può agire a caso su questioni così delicate”. Lo Giudice lamenta anche di aver scritto una lettera al Distretto, che ha come capofila il Comune di Taormina, senza ricevere risposta: “Se ci sarà un cambio di passo sarò il primo ad essere a fianco dei sindaci che ne fanno parte per dare risposte ai nostri disabili, anziani, bisognosi, perché è un tema che non può più essere derogato, altrimenti – annuncia il primo cittadino – creerò costituirò un sub-distretto con Santa Teresa capofila e mi prenderò la responsabilità di trainare i colleghi che vorranno starci per dare risposte alla nostra utenza che ha necessità, perché in questo settore c’è purtroppo una crescita di richieste di aiuto”.


COMMENTI

Rosanna Fichera | il 06/01/2020 alle 17:54:32

Quando ho proposto la creazione del sub distretto TU dov' eri?

Giuseppe Migliastro | il 07/01/2020 alle 20:50:48

Un minuto di silenzio per la magra figura fatta!!! Almeno qualcuno che ha il coraggio di smascherare questo soggetto c'è!!! Non tutti hanno la memoria corta, per fortuna!!!

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.