Domenica 24 Ottobre 2021
Iniziativa per raggiungere gli obiettivi mai attuati in 16 anni in 11 centri jonici


Servizi associati e meno costi, l'Unione dei Comuni ci riprova con un nuovo progetto

di Andrea Rifatto | 12/10/2020 | ATTUALITÀ

1382 Lettori unici

La Giunta dell'Unione (foto archivio)

In sedici l’anni l’Unione dei Comuni Valli Joniche dei Peloritani non è riuscita a raggiungere gli obiettivi per i quali è nata, ossia migliorare la qualità dei servizi erogati nei singoli Comuni ed ottimizzare le risorse economiche, finanziarie, umane e strumentali, ampliando il numero delle funzioni e dei servizi rispetto a quelli prima gestiti dai singoli enti assicurandone efficienza ed economicità, a vantaggio della collettività. Adesso, dopo svariati tentativi andati a vuoto, l’Ente sovracomunale ci riprova partecipando ad un progetto della Presidenza del Consiglio dei Ministri che si occupa di avviare forme di collaborazione, sviluppando attività e scambi dinformazione, per realizzare processi di riordino territoriale. La Giunta presieduta da Davide Paratore, sindaco di Antillo, e  formata dai colleghi Marco Saetti (Casalvecchio) Sebastiano Gugliotta (Pagliara), Concetto Orlando (Roccafiorita) e Giovanni Foti (Sant’Alessio), ha così aderito al “Progetto Italiae” per realizzare un processo di rafforzamento amministrativo. LUnione Valli Joniche con sede a Pagliara, di cui fanno parte i comuni di Antillo, Casalvecchio, Forza d’Agrò, Furci, Limina, Mandanici, Pagliara, Roccafiorita, Roccalumera, Sant’Alessio, Savoca, di fatto non è attiva salvo alcuni servizi minimi (come il medico del lavoro) e dunque la partecipazione al progetto ha lobiettivo di attivare un primo set di funzioni/servizi in forma associata. A tal fine è stata regolarizzata la situazione economico-finanziaria e si sono definite nuove regole di contribuzione dei servizi associati da parte dei Comuni. L’Unione, ogni anno, dispone di un finanziamento regionale che varia da 60 a 90.000 euro, ha al proprio interno tre unità di personale Asu e gode della collaborazione di due dipendenti comunali, uno con profilo tecnico e uno amministrativo. L’obiettivo del Progetto Italiae” è supportare l’ente realizzando uno studio di fattibilità per valutare lo svolgimento associato di funzioni e servizi. Una delle proposte è quella di creare un Corpo unico di Polizia municipale, in grado di gestire al meglio anche la stagione estiva, e a tale scopo è stata avviata una rilevazione del personale degli 11 Comuni; poi si punta a unificare i servizi economico-finanziari e di gestione amministrativa del personale ed è in corso un progetto per dotare tutti i municipi dello stesso sistema informativo riguardante sia la gestione economica che del personale; un terzo ambito di intervento è il servizio di promozione e gestione del turismo, considerati gli elementi unici e di pregio naturalistico, turistico, storico e culturale del territorio. Le intenzioni sembrano esserci tutte, anche questa volta: entro fine ottobre lUnione dei Comuni dovrà individuare un gruppo di lavoro con referenti tecnici-amministrativi e politico-istituzionali, mentre il team “Italiae” condurrà interviste e incontri con i referenti locali e redigerà un report di analisi e proposta progettuale che sarà consegnato a fine novembre. Sarà la volta buona per far “decollare” lUnione dei Comuni Valli Joniche dei Peloritani?


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.