Mercoledì 19 Giugno 2024
Vertice al Cas tra otto Comuni e gli attori del raddoppio: si teme il blocco della Ss 114


"Senza rampe sull'A18 le talpe non passano": aut aut dei sindaci a Rfi per evitare il caos

di Andrea Rifatto | 13/09/2023 | ATTUALITÀ

1581 Lettori unici

L'incontro al Consorzio autostradale

Senza certezze sulle rampe provvisorie dell’A18, le “talpe” non passeranno. È l’aut aut a Rete Ferroviaria italiana dei sindaci jonici tra Scaletta Zanclea e Sant’Alessio Siculo, confermato dopo un vertice al Consorzio per le autostrade siciliane con gli attori coinvolti nel raddoppio ferroviario Giampilieri-Fiumefreddo. Rfi aveva chiesto un incontro in Prefettura che però non si è tenuto e il tavolo si è spostato al Cas con Italferr, Webuild, Consorzio Messina-Catania, Città metropolitana e Comuni. L’avvio dei lavori di scavo delle gallerie è imminente (gennaio 2024), ma dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti non sono arrivate ancora le autorizzazioni, chieste già a luglio 2021 da Webuild al Cas, per la realizzazione di tre svincoli provvisori sull’autostrada A18 Messina-Catania, ad uso esclusivo dei mezzi d’opera, tra Sant’Alessio Siculo e Santa Teresa di Riva, a Nizza di Sicilia e nell’area di servizio di Calatabiano (Taormina). A questi tre “allacci” i sindaci hanno chiesto ne sia aggiunto un quarto, tra Itala e Scaletta Zanclea, ritenuto imprescindibile per la viabilità, considerato anche il rischio frane a Capo Alì. Senza risposte certe, i sindaci non concederanno a Rfi le autorizzazioni per il passaggio sulle strade comunali dei trasporti eccezionali per l’arrivo a Nizza di Sicilia e Sant’Alessio Siculo delle Tmb, le teste rotanti di perforazione per scavare le gallerie. “La posizione è unitaria, senza i nostri nulla osta le talpe non passano - afferma Giuseppe Lombardo, sindaco di Roccalumera - devono darci garanzie formali e abbiamo chiesto determinati passaggi che devono consumarsi prima delle autorizzazioni per le talpe”. 

I sindaci hanno quindi chiesto la convocazione urgente di un tavolo tecnico al Ministero affinché gli impegni discussi siano assunti formalmente evitando interlocuzioni improduttive. Per la rampa di Scaletta-Itala Rfi ha assunto l’impegno di presentare a Roma lo studio di fattibilità e ha dato incarico alle imprese esecutrici di attivarsi per redigerlo. “Mai come oggi c’è stata una dimostrazione di unità - commenta Gianfranco Moschella, sindaco di Scaletta Zanclea - sulla talpe ci siamo fermati in attesa del tavolo tecnico e si sta subordinando tutto all’autorizzazione a costruire gli allacci e allo studio di fattibilità per il quarto chiesto adesso. Il mio è l’unico Comune che finora non ha dato nessun nulla osta, gli altri li avevano dati e poi revocati, per noi è una questione di sicurezza visto che la Statale 114 è l’unica strada disponibile. Senza certezze sugli svincoli non autorizziamo il passaggio delle talpe”. Più moderata la posizione di Matteo Francilia, sindaco di Furci Siculo: “Serve un tavolo permanente di interlocuzione per attuare una strategia di squadra - afferma - senza scontri ma con soluzioni per arrivare ad avere un’opera molto importante per il Sud ma che non deve creare disagi alle popolazioni”. E il suo ruolo di consigliere del ministro per le Infrastrutture e i Trasporti, Matteo Salvini, potrà essere utile anche ad accelerare la pratica rampe. 

All’incontro si è discusso anche di altre opere connesse ai lavori del raddoppio ferroviario, come eventuali parcheggi chiesti a Rfi per consentire ai comuni di avere spazi qualora sia necessario liberare le strade per il transito dei mezzi pesanti, in modo da attutire i disagi per le popolazioni. “Siamo consapevoli dell’importanza dell’opera - il commento unanime dei sindaci - ma un’opera così imponente e che interesserà per il prossimo decennio le nostre comunità non può passare in sordina senza che vengano tenute in considerazione le esigenze del territorio”.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.