Sabato 15 Giugno 2024
Chiazze marroni e rifiuti: prelievi di campioni su richiesta del sindaco di Furci


Scie di sporcizia in mare sulla costa jonica, scattano i controlli dell'Asp

di Andrea Rifatto | 27/07/2019 | ATTUALITÀ

2855 Lettori unici

Una delle scie marroni comparse ieri

Chiazze marroni a pochi metri dalla riva, sacchetti di plastica e strane bollicine per nulla rassicuranti. Il tratto di mare antistante la fascia jonica si è presentato così per tutta la giornata di ieri e i bagnanti sono stati costretti a rimanere sulla spiaggia, a causa dell’inquinamento dell’acqua per cause che continuano a rimanere misteriose, visto che il fenomeno si ripete spesso, con ricadute negative sull’immagine dei centri costieri. Situazione che si è ripetuta anche oggi. “Il mare è bellissimo ma se io venissi da turista, richiamato dalla Bandiera blu, e trovassi l’acqua così direi che è una vergogna” ha commentato un villeggiante che frequenta S. Teresa. Discorso analogo nei centri limitrofi. “A tutela dei cittadini e dei turisti anziché aspettare preferisco passare ai fatti - ha detto ieri pomeriggio il sindaco di Furci, Matteo Francilia”, che ha contattato l’Arpa e l'Asp 5 per effettuare tutti i controlli del caso. “Siamo sommersi non sappiamo se da liquami o altro, a quanto pare le macchie marroni sono dovute alla presenza di pietra pomice prodotta dall’eruzione dello Stromboli di circa un mese fa – ha spiegato il primo cittadino dalla battigia, affiancato dal dottor Andrea Raneri del Dipartimento di Prevenzione dell’Asp di Messina - ma siccome non ne siamo certi attendiamo il responso delle analisi per stare più tranquilli. Non riusciamo a capire da dove arrivi questa corrente, se è stata una nave a scaricare o da qualche altro comune della provincia – ha aggiunto Francilia – non possiamo subire la fogna da altri comuni, Furci e i comuni limitrofi hanno dei buoni depuratori, il nostro impianto intercomunale con Roccalumera e Pagliara è efficientissimo. Ringrazio l’Asp per essere prontamente intervenuta per fare i prelievi e le analisi, sicuramente le forti correnti che interessano il nostro mare provvederanno al più presto a ristabilire la normalità e auspichiamo di poter risolvere la situazione”. Un problema, quello delle scie di sporcizia e delle chiazze di reflui fognari che solcano in mare jonico, che si ripresenta puntualmente ogni estate e crea un notevole danno perché scoraggia i bagnanti a frequentare le spiagge, privandoli della possibilità di fare il bagno.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.