Domenica 31 Maggio 2020
Erano riusciti a raggiungere la spiaggia. Altri quattro condotti a Riposto


Sbarco a Taormina, perse le tracce di quattro migranti in fuga

di Andrea Rifatto | 15/10/2018 | ATTUALITÀ

2014 Lettori unici

Il mare di Villagonia

Erano almeno dieci gli stranieri a bordo della barca a vela che ieri sera è stata intercettata nel mare antistante Taormina e che questa mattina è stata condotta al porto di Riposto dalla Guardia di Finanza di Messina. Nello scalo catanese sono giunti quattro migranti di origine irachena e iraniana e un uomo di nazionalità russa, che è stato posto in stato di fermo dal Gico della Fiamme Gialle di Catania perché ritenuto uno scafista. Un altro uomo, invece, anche lui russo e ritenuto il secondo scafista, è stato fermato ieri sera dai Carabinieri della Compagnia di Taormina sulla spiaggia di Villagonia, dove era approdato poco prima riuscendo a trasbordare quattro migranti dalla barca a vela, rimasta poco più al largo. I quattro hanno però fatto perdere le loro tracce dileguandosi nell’oscurità tra l’arenile e le scogliere della zona. Lo scafista stava invece tentando di rimettersi in mare per prelevare altre persone dall’imbarcazione “madre”, un natante di circa 6 metri denominato "Koa", ma è rimasto in balia delle onde a causa del mare molto agitato e poco dopo è stato bloccato dai militari dell’Arma. Questa mattina all'arrivo a Riposto il personale del Ministero della Salute è salito a bordo dell'imbarcazione per i controlli sanitari sui quattro migranti rimasti sul natante, tre uomini e una donna in stato di gravidanza, tutti senza documenti, che fino al pomeriggio sono stati sottoposti a fotosegnalamento per l’identificazione, prima di essere trasferiti al Cara di Mineo. Tutti hanno chiesto asilo politico.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.