Domenica 05 Febbraio 2023
Nove documenti dal 2015 al 2022 passati al setaccio. L'Ente chiamato a rispondere


Savoca, criticità nei bilanci e tasse mai riscosse: la Corte dei conti striglia il Comune

di Andrea Rifatto | 03/12/2022 | ATTUALITÀ

656 Lettori unici

L'Amministrazione dovrà ribattere ai giudici contabili

Numerose criticità contabili, tasse arretrate mai riscosse e procedure per migliorare la situazione finanziaria avviate fuori norma. È quanto rileva la Corte dei conti con una Pronuncia specifica sul Comune di Savoca, contenente parecchie osservazioni su nove bilanci della scorsa legislatura, ossia i rendiconti 2015, 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020 (gli ultimi due approvati in Consiglio comunale dall’attuale maggioranza) e i bilanci di previsione 2016-2018, 2019-2021 e 2020-2022. Criticità esposte in 19 pagine redatte all’esito dell’istruttoria svolta dal magistrato Antonio Tea della Sezione di controllo per la Regione siciliana, che ha deliberato di approvare la relazione e disporre il contraddittorio con il Comune, che è stato convocato nelle prossime settimane con un’ordinanza firmata dal presidente della Sezione. La Corte dei conti contesta all’ente del borgo collinare il ritardo nell’approvazione dei documenti contabili; la sottostima o l’errata quantificazione di fondi e quote accantonate (in particolare, il Fondo crediti di dubbia esigibilità e il Fondo anticipazione liquidità); la sussistenza di disavanzo con quote non ripianate; l’erronea impostazione del piano di rientro dal disavanzo; il costante ricorso all’anticipazione di tesoreria con rilevanti importi non restituiti a fine esercizio; l’assenza di riscossioni per recupero evasione Imu/Tasi e Tari e, più in generale, la scarsa capacità di riscossione; difficoltà nella capacità di realizzazione dei residui attivi e di smaltimento di quelli passivi; la condizione di ente strutturalmente deficitario per l’esercizio 2019; la sussistenza di criticità nella tempestività dei pagamenti. 

Dai bilanci emerge un disavanzo (rosso) passato dai -29mila 423 euro del 2017 ai -572mila 189 euro del 2021 e nel bilancio di previsione 2022-2024 (approvato il 30 giugno scorso) “sono stati previsti stanziamenti di bilancio rispettivamente pari a 133mila 658 euro nel 2022, 133mila 658 euro nel 2023 e 173mila 270 euro nel 2024 per ripianare il disavanzo - scrive il magistrato - ma il programma di rientro presenta un’impostazione non in linea con le norme vigenti in materia e deve essere riformulato”. In merito ai flussi e ai risultati di cassa si evidenzia anche “una costante carenza di liquidità per l’intero quinquennio 2015-2020 con una consistenza del fondo di cassa finale pari a zero e anticipazioni di cassa rimaste inestinte a fine esercizio” ed è emerso anche che “l’ente non ha proceduto al rinnovo del servizio di tesoreria nell'anno 2019” e che “le somme, siano esse di natura tributaria o patrimoniale, riscosse attraverso affidatari esterni non affluiscono direttamente alla tesoreria dell’Ente”. Rilevato “un consistente incremento dei residui attivi” passati da 2 milioni 088mila 619 euro nel 2015 a 3 milioni 982mila 550 euro nel 2020, e “ridotte percentuali di riscossione”, con Imu/Ici che passa dal 33,07% nel 2015 al 12,45% nel 2020, Tarsu/Tia/Tari dal 12,01% nel 2018 al 4,656% nel 2020 e fitti attivi dal 67,37% nel 2019 e del 55,48% nel 2020. Inoltre emerge “l’assenza di entrate derivanti da recupero dell’evasione tributaria (fatta eccezione per l’Imu nel 2015) e il mancato adeguamento alle disposizioni per l’esercizio 2020”. Nell’ultima seduta di Consiglio, anche alla luce di questi rilievi e all’assenza di pareri del revisore dei conti sul provvedimenti adottati dall’Area Finanziaria, è stata rinviata la discussione sul ripiano del disavanzo del rendiconto 2021 e sulla riapprovazione del risultato di amministrazione dello stesso anno, anche perchè è stata rilevata una impostazione sbagliata a partire dal riaccertamento straordinario dei residui 2015.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.