Martedì 27 Luglio 2021
La struttura è chiusa da anni per problemi strutturali. Interventi grazie alla Regione


Savoca, appaltati i lavori di restauro del Centro filarmonico, fulcro culturale del borgo

di Andrea Rifatto | 17/07/2021 | ATTUALITÀ

407 Lettori unici

Il Centro filarmonico-teatrale Santissima Maria Immacolata

Tornerà presto a risplendere e ad ospitare eventi il Centro filarmonico-teatrale Santissima Maria Immacolata di Savoca, chiuso da circa due anni. Il Comune ha infatti appaltato i lavori di manutenzione straordinaria e restauro conservativo dell’immobile sito nel centro storico, grazie al finanziamento da 218mila 609 euro concesso a gennaio dall’Assessorato regionale dei Beni culturali. Ad aggiudicarsi le opere è stata l’impresa “Azimut Lavori” di Catania, che sulla base d’asta di 167mila 404 euro ha offerto un ribasso del 33,50% per l’importo di 111mila 323 euro, oltre 7mila 595 per oneri di sicurezza, per un totale di 118mila 919 euro. Nel 2019 il Comune aveva presentato un progetto esecutivo da 298mila 804 euro ma la Regione ha fatto presente di non poter coprire tutta la somma necessaria, dando la possibilità di cofinanziare la restante quota con fondi del bilancio comunale oppure di rimodulare il progetto riducendo la spesa. L’Amministrazione savocese, vista l’indisponibilità di risorse, ha scelto la seconda strada e dunque lo scorso dicembre la Giunta guidata dal sindaco Massimo Stracuzzi ha riapprovato il quadro economico per l’importo totale di 218mila 609 euro, di cui 175mila per lavori e 43mila 609 euro per somme a disposizione. Il progetto, redatto dall’architetto Antonella Bartolotta di Gallodoro, prevede la manutenzione straordinaria dell’edificio sito nel centro storico, in grado di ospitare su due piani convegni, concerti e spettacoli, finalizzata al ripristino degli intonaci ammalorati, il restauro conservativo di alcune parti della struttura lignea del Centro filarmonico e l’acquisto e l'installazione di attrezzature tecnologiche per la produzione degli eventi. L’iter è stato curato dal geometra Luciano Saglimbeni dell’Ufficio tecnico quale responsabile unico del procedimento (con il supporto dell’architetto Bartolotta), mentre l’architetto Nino Santoro è il responsabile esterno delle operazioni. I lavori dovranno concludersi entro il 31 dicembre. 


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.