Martedì 02 Marzo 2021
Efficientamento energetico dell'edificio grazie ai fondi di Regione e Comune


Savoca, appaltata la riqualificazione del municipio: sarà accessibile ai disabili

di Andrea Rifatto | 21/06/2020 | ATTUALITÀ

839 Lettori unici

Il municipio di Savoca

Ad oltre un anno di distanza dallavvio delle procedure di gara, sono stati appaltati i via definitiva i lavori di riqualificazione ed efficientamento energetico del municipio di Savoca. Gli interventi sono stati finanziati nel 2018 dalla Regione con 696mila 600 mila euro provenienti dal Patto per il Sud, in seguito alla partecipazione del Comune a un bando per il recupero e la rifunzionalizzazione di edifici pubblici, a cui si sono aggiunti 77mila 400 euro di cofinanziamento comunale messo a disposizione dallAmministrazione del sindaco Nino Bartolotta, per un intervento complessivo da 774mila euro. Il progetto prevedeva una spesa di 530mila 539 euro per lavori e 243mila 460 per somme a disposizione e le opere sono state affidate alla ditta Lsv Costruzioni con sede a Maletto, che ha offerto un ribasso del 27,57% ottenendo lappalto per 371mila 447 euro, di cui 351mila 993 per lavori e 19mila 454 per costi della sicurezza. Il responsabile dell’Ufficio tecnico comunale, il geom. Luciano Saglimbeni, ha siglato la determina di aggiudicazione e ha autorizzato per motivi d’urgenza l’avvio dei lavori in attesa della firma del contratto, per evitare che il prolungarsi dei tempi metta a rischio la disponibilità del finanziamento. Il cantiere rimarrà aperto un anno e il progetto prevede la riqualificazione, labbattimento delle barriere architettoniche e lefficientamento energetico del palazzo comunale, edificato negli Anni 20 nel sito che sul finire del 1400 ospitò la chiesa di Santa Lucia e il convento dei Domenicani: il progetto esecutivo redatto dallUfficio tecnico, oltre al restyling del prospetto in linea con le peculiarità del medievale borgo storico savocese, prevede anche la costruzione di un vano ascensore e linstallazione di un impianto fotovoltaico per rendere ledificio autosufficiente per la produzione energia elettrica e il riscaldamento. A dirigere i lavori sarà l’architetto Giovanni Andò di Santa Teresa, che ha offerto un ribasso dell’11,995% per l’importo di 33mila 340 euro sulla base d’asta di 37mila 770 euro; ad aggiudicarsi l’incarico era stato lo studio di architettura “Giunta Progetti” di Catania con un ribasso del 30% e un importo di 26mila 439 euro ma ha poi rinunciato per "imprevedibili e indifferibili impedimenti".


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.