Mercoledì 07 Dicembre 2022
Inviata una nuova richiesta di finanziamento per un impianto di videosorveglianza


Sant'Alessio, più telecamere per controllare il paese: il Comune ci riprova con il Governo

di Andrea Rifatto | 29/11/2021 | ATTUALITÀ

433 Lettori unici

Una delle telecamere esistenti a Sant'Alessio

Un moderno ed efficiente impianto di videosorveglianza per tenere sotto controllo il paese, allo scopo di tutelare il patrimonio pubblico da atti di vandalismo, combattere i reti ambientali (in particolare l’abbandono di rifiuti), rilevare il traffico e prevenire i reati. È l’obiettivo che si punta a raggiungere a Sant’Alessio Siculo, dove l’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Giovanni Foti ha approvato un progetto chiedendo nuovamente l’assegnazione di un finanziamento al Governo nazionale. Nell’ottobre del 2020 è stato firmato il Patto per l’attuazione della sicurezza urbana tra il prefetto e il sindaco e nelle scorse settimane si è palesata luna nuova opportunità di ottenere i fondi, visto che il Ministero dell’Interno ha definito le modalità di presentazione delle richiesta di ammissione ai finanziamenti. L’Amministrazione ha quindi dato incarico all’Ufficio tecnico di redigere un progetto di fattibilità tecnico-economica per l’installazione di una trentina di telecamere in paese, alcune in grado anche di leggere le targhe dei veicoli in transito, ed è stato nominato come responsabile unico del procedimento il comandante della Polizia locale, l’ispettore capo Salvatore D’Agata. Il progetto ammonta a 198mila 705 euro e il Comune garantirà un cofinanziamento dell’1%, pari a 1.988 euro: dunque è stato chiesto un finanziamento di 196mila 717 euro per l’intervento, inserito nel piano triennale delle opere pubbliche già dal giugno 2020, e la richiesta è stata inviata al Dipartimento di Pubblica Sicurezza del Viminale tramite la Prefettura di Messina. Attualmente sul territorio alessese sono installate sette telecamere, gestite dalla Polizia locale, ma non garantiscono una copertura ottimale del territorio come invece farebbe un impianto strutturato per tali finalità.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.