Martedì 20 Ottobre 2020
Il Consiglio ha confermato le tariffe 2019. Sconti per le attività rimaste chiuse


Sant'Alessio, niente aumenti sulla tassa rifiuti: in bolletta ci sarà il costo dei bidoni

di Andrea Rifatto | 16/10/2020 | ATTUALITÀ

398 Lettori unici

Il kit domestico per il porta a porta

Non ci saranno particolari aumenti nella bolletta rifiuti 2020 per gli utenti di Sant’Alessio. Il Consiglio comunale ha infatti approvato all’unanimità (assenti Giuseppe Pasquale e Giovanni Saccà in maggioranza) la conferma delle tariffe Tari già in vigore lo scorso anno, sfruttando la possibilità concessa dal Governo considerata la pandemia in corso, anche per non generare ulteriori incertezze fra i contribuenti e ridurre il più possibile lafflusso agli uffici comunali. Il costo totale del servizio è stato dunque stimato in 585mila 797 euro, in attesa che entro fine anno venga approvato il Piano economico-finanziario 2020 dell’Ato Me4 in modo da applicare nella bolletta 2021 l’eventuale conguaglio, che secondo le stime ammonterà a pochi euro. In bolletta, però, sarà addebitato quest’anno un costo fisso per il pagamento dei contenitori per la raccolta differenziata porta a porta, consegnati in queste settimane dal Comune: le utenze domestiche si ritroveranno a pagare 28 euro per il kit, mentre quelle non domestiche 126 o 171 euro a seconda se abbiano ritirato i bidoni da 120 o 240 litri. La Tari andrà pagata in tre rate con scadenza 30 ottobre, 16 novembre e 16 dicembre oppure in un’unica soluzione entro il 30 ottobre. Grazie ad un emendamento proposto dal gruppo di minoranza tramite il consigliere Giuseppe Bartorilla, è stata prevista una riduzione del 15% sulla parte variabile della tariffa per tutte le attività non domestiche che sono state costrette a rimanere chiuse durante il periodo del lockdown: il minor gettito per le casse comunali sarà compensato con le somme dell’apposito fondo istituito dalla Regione o con altre risorse di bilancio. Confermata, poi, la riduzione del 30% della tassa rifiuti per tutte le attività stagionali, a condizione che l’utente dimostri di essere in regola con il pagamento di tutti i tributi comunali e i canoni del servizio idrico. Il Regolamento dell’imposta, che è stato approvato dalla sola maggioranza, prevede poi altre riduzioni tra cui quella del 25% per le utenze che praticano il compostaggio domestico, anche se finora non sarebbero giunte richieste in municipio per usufruire di questa opportunità. A Sant’Alessio il servizio rifiuti viene ancora svolto dall’Ato Me4 ma nei prossimi mesi entrerà in funzione la nuova gestione della Srr Messina Area Metropolitana con l’affidamento ad una ditta privata.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.