Giovedì 20 Giugno 2024
L'idea lanciata ad inizio legislatura non si è concretizzata. Trovata un'altra soluzione


Sant'Alessio, la Casa dell'acqua non arriva in piazza ma a scuola: ecco perchè

di Andrea Rifatto | 09/03/2024 | ATTUALITÀ

668 Lettori unici

Alcuni amministratori con la casa blu a scuola

L’idea era stata lanciata nei primi mesi di legislatura, ma non si concretizzerà. A Sant’Alessio Siculo non verrà installata la casa dell’acqua che l’Amministrazione comunale aveva previsto a fine 2022 in piazza Onofrio Zappalà, con l’obiettivo di consentire alla popolazione di avere a disposizione un erogatore d’acqua potabile a prezzi contenuti e ridurre così la produzione di rifiuti in plastica con l’eliminazione delle bottiglie in Pet. L’avviso è andato deserto e successivamente il Comune ha contattato direttamente le società installatrici delle casette per capire la mancata partecipazione al bando: “Abbiamo compreso che l’investimento non è più remunerativo come in passato - spiega l’assessore Gianluca Lo Cascio, che ha curato l’iter - per coprire i costi le ditte dovrebbero aumentare il costo dell’acqua fino a 12-15 centesimi a litro oppure garantire un erogatore senza refrigeratore e solo con acqua naturale. A quel punto abbiamo compreso che l’operazione non è conveniente e per il momento abbiamo accantonato l’idea”. 

Se non è sorta in piazza, la casetta dell’acqua è arrivata però a scuola: l’Amministrazione ha infatti deciso di installarne una nel plesso “Gussio”, affidandone la fornitura, la gestione e la manutenzione alla ditta catanese “Fonte Nuova”, al costo totale di 3mila 538 euro compresa la fornitura di 150 borracce. “Siamo partiti dai più piccoli - commenta Lo Cascio - educandoli anche all’utilizzo delle borracce così da eliminare le bottigliette di plastica alla mensa. Un primo passo per la riduzione dei rifiuti”. Sull’assenza della casa dell’acqua la minoranza consiliare ha presentato un’interrogazione per sapere perchè non si sia proceduto all’installazione, se ci siano stati intoppi che abbiano ritardato la procedura e quali siano i tempi stimati affinché venga consegnata all’intera comunità e non solo alla popolazione scolastica.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.