Martedì 05 Luglio 2022
L'omaggio alla comunità dalla famiglia Moschella con un'opera dell'artista Ucchino


Sant'Alessio, inaugurato il nuovo monumento per tutti i caduti donato al Comune - FOTO

di Andrea Rifatto | 24/05/2022 | ATTUALITÀ

611 Lettori unici

La cerimonia di inaugurazione

È stato inaugurato a Sant’Alessio Siculo il nuovo monumento per i caduti di tutte le guerre, donato al Comune dalla famiglia Moschella, in particolare dai fratelli Carmelo Gaetano e Carmelo Antonino, emigrati tra gli Anni ’50 e ’60 in Venezuela dove sono divenuti affermati imprenditori nel settore petrolifero, estendendo poi le loro attività in altre parti del mondo. L’opera, realizzata in acciaio inox dall’artista Nino Ucchino, alta 3,20 metri e posata su un basamento rivestito in pietra lavica, è stata installata in piazza Onofrio Zappalà, rivolta verso la strada. Alla base è apposta una stele che elenca i 21 caduti alessesi, 9 nella Prima Guerra mondiale a 13 nella Seconda, tra i quali anche alcuni antenati dei Moschella. Alla cerimonia hanno preso parte l’Amministrazione comunale con in testa il sindaco Giovanni Foti, i quattro fratelli Moschella (presenti anche Gaetano e Giovanna), l’associazione Combattenti e Reduci di Sant’Alessio con il presidente Concetto Fleres, il deputato nazionale Francesco D’Uva e l’Arma dei Carabinieri. A benedire il nuovo monumento per i caduti il parroco don Luciano Zampetti affiancato dal vice Oscar Zoungrana. “L’opera raffigura una rupe con un incavo alla base con militari morti o morenti, anche in trincea, con due elmetti della Prima e della Seconda guerra - ha spiegato Ucchino - dietro spunta un timido sole che simboleggia la pace attesa in tempo di guerra. Poi vi un’ala piena di croci che simboleggia i cimiteri pieni di soldati caduti giovanissimi, l’altra ala seppur offesa riesce invece a vibrare e a volare, simbolo di pace e libertà”. Il sindaco Foti ha ringraziato i fratelli Moschella, che hanno letto un messaggio affidato a Gaetano, per il gesto di vicinanza, generosità, sensibilità verso la comunità di Sant’Alessio, con la quale hanno tenuto sempre saldo il legame e si sentono ancora parte del tessuto sociale e culturale del paese, con un’appartenenza adesso ancora più forte.



COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.