Mercoledì 25 Maggio 2022
Progetto per l'edificio delle Elementari, chiuso da 19 anni, grazie ai fondi del Governo


Sant'Alessio, il Comune punta al recupero della vecchia scuola: affidati due incarichi

di Andrea Rifatto | 15/05/2021 | ATTUALITÀ

882 Lettori unici

La scuola elementare è chiusa dal 2002

È chiusa ormai da 19 anni la vecchia scuola elementare “Antonio Gussio” di Sant’Alessio Siculo, dichiarata inagibile dopo le verifiche sismiche effettuate in seguito al terremoto delle Marche che provocò il crollo della scuola di San Giuliano di Puglia, in cui morirono 27 bambini e una maestra. Da allora non è stato possibile intervenire ma giace nei cassetti del municipio, in attesa di finanziamento, un progetto preliminare da 2 milioni 550mila euro per la ristrutturazione o demolizione/ricostruzione dell’edificio di piazza Onofrio Zappalà. Intanto il Comune va avanti nell’iter e in questi giorni ha affidato due incarichi per  procedere con gli ulteriori stati di progettazione, grazie al contributo di 122mila 416 euro assegnato dal Governo nazionale per la progettazione definitiva ed esecutiva di interventi di messa in sicurezza del territorio a rischio idrogeologico, di messa in sicurezza ed efficientamento energetico delle scuole, degli edifici pubblici e del patrimonio degli enti locali, nonché per investimenti di messa in sicurezza delle strade. L’Amministrazione comunale del sindaco Giovanni Foti si è quindi attivata e ha demandato all’Ufficio tecnico le procedure per individuare figure esterne, vista la carenza di personale nella pianta organica dell’Ente. Il responsabile dell’Area Tecnica, il geometra Giuseppe Moschella, ha così chiesto la disponibilità all’ingegnere Claudio Faranna di Sant’Alessio per occuparsi della progettazione definitiva ed esecutiva e il professionista ha accettato offrendo un ribasso d’asta del 14% sulla base d’asta di 73mila 336 euro, ottenendo l’incarico per l’importo di 63mila 069 oltre Iva e oneri, per una spesa totale di 80mila 022 euro; la redazione della relazione geologica e delle indagini geognostiche è stata invece affidata al geologo Fabio Ucchino di Savoca, che ha offerto un ribasso del 10% sulla base di 7mila 919 euro e ha ottenuto l’incarico per 7mila 127 euro oltre Iva e oneri, per una spesa totale di 9mila 043 euro. L'elaborato esecutivo consentirà così all'Amministrazione comunale di poter partecipare ai bandi di finanziamento con maggiori possibilità di ottenere le risorse per effettuare i lavori.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.