Giovedì 11 Agosto 2022
Da mesi ritardi e disservizi. La minoranza accusa l'Amministrazione di incapacità


Sant'Alessio, gestione rifiuti nel caos e nella casa anziani spunta una discarica - FOTO

di Andrea Rifatto | 30/08/2021 | ATTUALITÀ

1049 Lettori unici

Rifiuti gettati vicino al Capo e Villa Solaria

È partita nel peggiore dei modi la nuova gestione del servizio rifiuti e igiene ambientale a Sant'Alessio Siculo, affidata la scorsa primavera dalla Srr Messina Area Metropolitana alla ditta “Onofaro Antonino” di Naso nell’ambito del Lotto 1, che comprende anche i comuni di Savoca, Forza d’Agrò, Casalvecchio Siculo e Antillo. La raccolta porta a porta viene effettuata ogni giorno con ritardi e disservizi, strade e piazze sono sporche, invase da minidiscariche e costellate da erbacce, i cestiti gettacarte sono traboccanti di spazzatura e il ritiro a domicilio dei beni ingombranti spesso salta nonostante appuntamenti fissati mesi prima. Rispetto al passato si nota come la pulizia del paese sia notevolmente carente e ad incidere negativamente è anche il comportamento degli utenti, molti dei quali non hanno ancora ritirato il kit con i contenitori per il porta a porta (soprattutto nei grandi condomìni) e conferiscono l’immondizia lasciando in strada i sacchetti, quasi sempre senza differenziare gli scarti. Residenti e villeggianti protestano da mesi e il Comune prova a tamponare intervenendo direttamente per rimuovere rifiuti e ingombranti, andando oltre quelle che sono le competenze visto che il servizio non può essere gestito dall’Ente. Il risultato è che ciò che viene raccolto in tutta fretta va poi a finire nella casa albergo per anziani “Villa Solaria”, dove l’ingresso del cantinato è divenuto una discarica con cassonetti di indifferenziata e cumuli di beni durevoli, materassi, mobili e altri scarti, depositati in attesa che la ditta li rimuova. 

Una situazione di continua emergenza criticata anche dalla minoranza consiliare: il capogruppo Concetto Fleres ha scritto all'Amministrazione e agli Uffici per chiedere di risolvere, tra l'altro, “la grave situazione igienico-sanitaria che si viene a determinare il mercoledì con la raccolta della frazione umida, effettuata sempre dopo mezzogiorno, con i rifiuti organici lasciati esposti ad alte temperature e sotto il sole cocente con l’incremento della putrefazione e uno spettacolo indecoroso e insalubre che si offre del paese, con cumuli di contenitori che emettono odori nauseabondi. Ciò segna il punto più basso di inciviltà che la comunità dei residenti, dei villeggianti e dei turisti è stata costretta a subire a causa dell'inefficienza degli amministratori - incalza Fleres - che non sono stati capaci di far valere le proprie ragioni con la ditta. Tutto ciò dimostra una costante e reiterata inefficienza da parte di chi gestisce la cosa pubblica e può di conseguenza provocare drammatici effetti sulla salute pubblica dei cittadini, esposti ad una tale situazione di pericolo potenziale che può far contrarre altre malattie - prosegue il capogruppo - e va segnalata la gravità dal punto di vista sanitario determinata dal disservizio relativo alla reiterata tardiva raccolta dei rifiuti, ritenendo che vi siano altre inadempienze, criticità e disservizi che gli utenti stanno pagando con bollette carissime rispetto alla media regionale, ad esempio il lavaggio delle strade e dei marciapiedi che non è stato mai effettuato per tutta l’estate”. Fleres ha chiesto quindi ad ognuno di fare la propria parte per risolvere le problematiche: “In caso contrario - conclude - mi vedrò costretto a segnalare ad Asp e Prefetto credendo che possano sussistere anche profili di responsabilità penale".



COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.